Serie A Juventus, Dybala: "A 29 anni vorrei essere come Higuain"

Serie A Juventus, Dybala:

Ho detto basta al calcio con la testa e con il cuore. "Spero soltanto che risollevi l'Udinese".

Antonio Di Natale è tornato a parlare della sua Udinese.

SULL'ARGENTINA E MESSI - Poi su un suo possibile ritorno in Argentina: "Mi piacerebbe ritirarmi giocando con la maglia dell'Instituto Atlético Central Córdoba". Mi sarei aspettato però una telefonata, solo per avvertirmi della decisione. Da quando ho smesso ho parlato con la società solo una volta, si era chiacchierato di tante cose: poi non si è fatto nulla - ha spiegato l'ex bianconero -. Mi sarebbe piaciuto lavorare coi giovani, o affiancare il direttore sportivo.

SUL CASO MALDINI - "Maldini ha ragione". Quando hai fatto la storia di un club, lui del Milan e io dell'Udinese, non puoi accettare di fare semplicemente il pagliaccio. "Io ho l'Udinese nel cuore e terrò sempre la porta aperta al club". Noi però abbiamo sempre fatto bella figura a Torino e speriamo che sia così anche questa volta. "Molte cose, è arrivata anche la fama". Pentito di aver rifiutato la Juventus? Assolutamente no. Fu una scelta di vita, col cuore: volevo restare a Udine con la mia famiglia. Riuscirei a giocare in questa Juventus? Premesso che ho smesso, ci sono tanti campioni.

DYBALA - "E' una Juventus piena di campioni, da Pjanic a Higuain e Dybala". La stima tra i due è nota, e lo stesso Messi ha elogiato le qualità di Dybala:: "Le sue parole fanno piacere - ha commentato Dybala - perché significa che sto facendo le cose giuste e vede qualcosa in me". E' fenomenale. Se penso che l'Udinese poteva portarlo in Italia prima del Palermo. Che periodo: eravamo uno squadrone. Dissi a Pozzo che avremmo lottato per lo scudetto, senza vendere nessuno e con due acquisti.

Su Higuain: "E' il più forte centravanti del mondo". Per età e forza, penso sia l'unico che possa superarmi: potenzialmente può fare una doppietta a partita. Higuain si gioca la classifica marcatori, con Borriello, Icardi e Dzeko. Ma adesso ho i miei obiettivi e pensare a quello che farò tra dieci anni è complicato. Soffrivo Chiellini. È tosto con lui devi essere sempre sveglio.