Roma, Spalletti: "L'infortunio di Milik non rende il Napoli più debole"

Roma, Spalletti:

Un weekend di riposo dopo una settimana di lavoro con il gruppo decimato e solo tre allenamenti sulle gambe: Luciano Spalletti ha colto l'occasione della pausa delle nazionali per far rifiatare i calciatori che sono rimasti a Trigoria, pianificando nei dettagli il programma in vista del Napoli. "Con Gabbiadini ha sempre fatto rispettare le attese, ha sempre segnato gol, la squadra gioca con la stessa fiducia". La partita di sabato col Napoli sarà per certi versi determinante a livello psicologico: "Sicuramente è molto importante e può dare molto all'ambiente visto che sia Roma che Napoli godono e vivono dell'entusiasmo dei loro tifosi".

A chi domanda cosa deve fare la Roma per risolvere lo squilibrio fra la buona resa in attacco e quella più deficitaria della difesa, il tecnico risponde: "Dobbiamo trovare questo equilibrio, ma in quello che è successo c'è anche un pò di casualità: è vero, però, che nella fase difensiva dobbiamo migliorare". Lui al momento è un giocatore e deve pensare a fare questo.

Il tecnico della Roma Luciano Spalletti ha rilasciato un'intervista all'emittente televisiva.

PALLOTTA E SABATINI - Spalletti ha poi parlato anche dell'addio di Sabatini alla Roma: "Walter mi aveva detto qualcosa, io avevo sperato il contrario, avevo lavorato per il contrario". Se proviamo ad accorciargli questa propensione, lui ci si attacca di più. Sono bravissimi sul mercato, lo dice proprio la storia. Più si cerca di allontanarlo da questo ruolo e più lui si sente motivato. "Dobbiamo fare passi avanti il più velocemente possibile, perché abbiamo lasciato punti importanti per strada".