Rassegna Stampa - Milano, sindaco Sala: "Un nuovo San Siro per due"

Rassegna Stampa - Milano, sindaco Sala:

Certamente più radioso, secondo quanto affermato dal sindaco di Milano, Giuseppe Sala, in una lunga intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport.

Intervistato da La Gazzetta dello Sport il primo cittadino di Milano si è anche detto disponibile a valutare una possibile cessione dello stadio ai due club "di fronte a un'offerta seria".

Sala allo scoperto: "San Siro?". Oggi, con grande pragmatismo, noto che non c'è la volontà di fare un nuovo stadio, si è perso il momento.

Beppe Sala: "Lo stadio verrebbe sdoppiato con uno spazio esterno per l'Inter e uno per il Milan". Ci sono due aree utilizzabili: una quella adiacente al Trotto che oggi potrebbe essere finalmente sfruttata, anche se c'è da fare una trattativa privata con Snai, e l'altra sul versante opposto, su terreni di proprietà comunale - ha spiegato Sala -. Altrimenti potremmo rinnovare la convenzione con le due società a lungo termine: "già adesso una parte dell'affitto viene scontata per le spese destinate alle migliorie, siamo pronti a ridurre ulteriormente il canone, purché si faccia un investimento per trasformare San Siro". Quando Beppe Sala parla di stadio a metà va ben oltre il senso concettuale della sua espressione, riferendosi quindi a qualcosa di molto concreto. Funzionerebbero come lounge, per la ristorazione, l'hospitality, lo store. Andando avanti con la fantasia si può immaginare di dividere idealmente lo stadio non solo con lo spogliatoio dell'Inter da una parte e quello del Milan dall'altra ma con tribune autorità e sky box da entrambi i lati e due ingressi separati. In taglio alto spazio anche al mercato: per l'Inter c'è Darmian, il Milan invece punta Isco del Real Madrid. "Possiamo aspettare qualche mese per vedere come si evolve la situazione in casa rossonera, dopodiché l'amministrazione comunale avrebbe il dovere di agire e, di conseguenza, si metterebbe a discutere direttamente con l'Inter".

Beppe Sala: "Se fosse per Suning, si siederebbe al tavolo già domattina". Sia Milan che Inter però avevano mostrato un forte interesse per la zona dell'Expo, ma ormai è passato tanto tempo. Ne ho parlato con loro anche dopo Inter-Juve e c'è la massima disponibilità a investire sull'impianto, ma sono in attesa di capire che cosa succederà al Milan.