Nel Vibonese scuole evacuate, nessun danno

Nel Vibonese scuole evacuate, nessun danno

La scossa. Tanta paura, ma per fortuna nessun danno.

Vibo Valentia - A un mese dal terremoto che ha colpito Amatrice, un nuovo sisma torna a seminare paura tra la popolazione. Distintamente avvertito anche sulla costa, a Tropea, Nicotera, Ricadi e Briatico, e nelle zone montane delle Preserre e delle Serre vibonesi.

L'epicentro è stato individuato alle coordinate 38.63, 16.11, a 43 Km a Sud Ovest di Lamezia Terme, nel territorio di Francica a meno di dieci chilometri di raggio da San Gregorio d'Ippona, San Costantino Calabro, Ionadi, Mileto, Vibo Valentia, Stefanaconi, Filandari, Sant'Onofrio, Cessaniti, Dasà e Rombiolo. Spaventata dall'accaduto in alcuni centri la gente è scesa in strada. Subito evacuate per precauzione le scuole di ogni ordine e grado. La scossa è durata pochi secondi.

Molta paura è stata sentita nella Calabria centrale: si sono avuti attimi di terrore soprattutto nel vibonese quando, la mattina del 23 settembre, è stata avvertita una scossa di terremoto di magnitudo 3.2 con 6.2 chilometri di profondità.