MotoGP, GP Aragòn 2016: Andrea Iannone non prenderà parte alla gara

MotoGP, GP Aragòn 2016: Andrea Iannone non prenderà parte alla gara

"Non ci aspettavamo di trovare questa situazione, dobbiamo trovare una soluzione perché le gomme sono queste".

Marquez e Rossi erano anche caduti nelle ultime libere. "Fino adesso, la seconda parte della stagione è stata abbastanza positiva - ha detto il pesarese - anche se non ho ancora vinto". Devo continuare così. Però in questo fine settimane penso che avremo qualche difficoltà perché questa non è una delle piste migliori per me. Il pilota abruzzese ieri aveva ottenuto l'ok a correre dai medici del circuito ed è sceso in pista questa mattina per la prima sessione di prove libere, disputate con un buon ritmo e chiuse al sesto posto. Qui può cambiare tutto: vincere con 10 secondi di vantaggio o perdere. Al quarto posto c'è la Yamaha di Rossi (1'48 " 669), seguita da un'altra M1, non quella di Lorenzo (solo settimo, a 485 millesimi di secondo da Pedrosa) ma quella di Pol Espargarò, solo 80 millesimi più lento di Valentino.

Infine il nove volte campione del mondo ha dichiarato: "Sono preoccupato per la distanza della gara".

In passato, si sono visti piloti correre in condizioni ben peggiori, e, soprattutto, secondo il medico spagnolo del mondiale, il dottor Angel Charte, Iannone potrebbe disputare il GP. Ci ha fregato tutti, uno per uno: "è stato davvero bravo". Alla stessa quota anche il compagno di squadra Dovizioso e Maverick Viñales, che qui ha trionfato nel 2014 in Moto2, mentre nella sua prima esperienza in classe regina, lo scorso anno, ha chiuso undicesimo. Stiamo lavorando bene, siamo competitivi, ma qui sarà più difficile. Diciamo che è paragonabile alla prima stagione in 250 (1998, NDA): andavo forte, ma sbagliavo. La sensazione è che Ducati, su questa pista dove trazione e velocità di percorrenza curva rappresentano la chiave per la vittoria, sia svantaggiata. "Come ho già spiegato, è pesato il finale della scorsa stagione, ho faticato a recuperare energia, e pesa la rottura del motore al Mugello".