Luca Abete portato in Questura: "Picchiato e trattato come un delinquente"

Luca Abete portato in Questura:

"Appena uscito dalla Questura...piuttosto 'stropicciato'", ha fatto sapere. "Il 4 dicembre facciamogli capire con un NO che noi cittadini onesti siamo stanchi di questa gente". Eppure l'inviato non vuol fermarsi e continuerà con le sue inchieste, chiedendo ancora spiegazioni al Ministro dell'Istruzione sullo stato decadente degli edifici scolastici campani.

Avellino. Il ministro dell'Istruzione, Stefania Giannini, nel pomeriggio si ieri si trova nel paese irpino per prendere parte ad un convegno. Il filmato è stato documentato dal sito web avellino.zon. Come riporta il comunicato ufficiale di Mediaset, purtroppo per Luca Abete non c'è stato nulla da fare e gli è stata negata la possibilità di oltrepassare il cancello della struttura. Una contromisura forse dovuta alle numerose inchieste condotte proprio da Luca Abete sulla Giannini e sulle carenze strutturali presenti nelle scuole della Campania. Il fermo della Polizia di Avellino ha riguardato sia Luca Abete che gli altri operatori, costretti a consegnare il girato.

Le immagini non lasciano dubbi e infatti Abete nel video urla: "Guardate come stanno trattando una persona armata solo di microfono". Inoltre, l'inviato di Striscia La Notizia, ha aggiunto che: "Quando viene arrestato un camorrista le forze dell'ordine sono molto meno violente".