Giampaolo Cassano sarà un grande allenatore

Giampaolo Cassano sarà un grande allenatore

Marco Giampaolo apre al ritorno (o meglio al 'reintegro') di Antonio Cassano. Gli scambi di battute tra i due sono frequenti, segno di un clima disteso, tanto che lo stesso Cassano, in un'occasione, si è lasciato andare anche ad una battuta e, rivolto al mister, ha detto a voce alta: "Sai quanto ti divertiresti ad allenarmi", ricevendo per tutta risposta un sorriso.

IL CALCIOMERCATO ESTIVO - "Mi ha soddisfatto". A trent'anni non posso smontarlo e rimontarlo. Skriniar invece è stato messo in croce.

Dalla difesa al centrocampo. "La sola analisi dei risultati è fredda - ha proseguito Giampaolo - La classifica è corta, se avessimo avuto 3 punti in più, non sarebbe girata la parola crisi, staremmo qui a parlare di bella Samp". Praet? Ha gamba per fare il centrocampista. Qualcuno, prima di arrivare, mi diceva: liberati di questi, ti creeranno problemi. Del resto è bastato che Francesco Totti, nel corso di una lunga intervista concessa a Walter Veltroni sul Corriere dello Sport, lo abbia battezzato come "il migliore con cui io abbia giocato" che le azioni del "pibe di Bari" si sono rialzate all'improvviso. "Fernandes? Non è un limite essere devastante a gara in corsa, avrà tanto spazio". Credo molto nei rapporti senza pregressi: conta la serietà. Presidente e giocatore hanno intrapeso un braccio di ferro che dura da molti mesi, sull'argomento il tecnico vola alto, sono scelte societarie ed io sono semplicemente un allenatore. E in attacco, con Schick "ci vuole pazienza, scommetto su di lui". Inevitabile che, venendo a mancare i risultati come è accaduto negli ultimi tempi, il nome di Fantantonio che, in tempo di vacche grasse era stato già dimenticato, torni prepotentemente alla ribalta.