Fiorentina, Paulo Sousa avverte la Viola: "Contro Gasperini è sempre difficile"

Fiorentina, Paulo Sousa avverte la Viola:

E' una partita importante come lo sono tutte, una vittoria regala sempre una spinta. L'anno scorso aveva mollato per primo lui, per sua stessa ammissione, ed è una cosa assurda, che non può succedere.

Archiviata la pausa Nazionali, Fiorentina e Atalanta sono pronte a tornare di nuovo in campo nel match valido per l'8^ giornata di campionato. I gol coprono tutto, quest'anno non li sta facendo e risulta più evidente.

Su come sta la squadra: "Alcuni giocatori che lo scorso anno sono stati a livelli altissimi al momento non sono ancora arrivati alla forma top". I risultati, come dicevo, sono importanti ma mi fa molto piacere che io, nonostante non sia stato una sua scelta, abbia ricevuto parole piacevoli da parte sua. "Dobbiamo fare tutto per vincere la partita". "Speriamo che le "marce" da cambiare, siano le migliori". "Arriverà anche il suo momento". "Stiamo lavorando per dare delle varianti al nostro gioco". Abbiamo lavorato su questo soprattutto con chi è rimasto a Firenze in questi giorni. Soprattutto perché i tre punti contro una grande squadra fanno morale e si può pensare di poter battere anche la squadra di Mister Sousa. Sousa torna a ripetere che Federico deve crescere e lavorare per migliorarsi, sottolienando che non deve giocare con le spalle alla porta ma giocare negli spazi e verso la porta per avere occasioni da sfruttare in zona goal. Possiamo trovare squadre meno forti di noi sotto il profilo tecnico ma molto organizzate tatticamente, avversari che giocano bassi e stretti. "Cerchiamo di farlo migliorare sia fuori sia dentro l'area di rigore". Proprio lo sloveno è oggetto di discussione e Paulo Sousa ne esalta le indubbie qualità: "Ha caratteristiche individuali, noi lavoriamo per renderle funzionali alla manovra e al gioco". Dobbiamo sempre avere il giusto atteggiamento e rispettare gli avversari.

Diks ancora non è entrato nelle rotazioni: "E' un giocatore lineare, molto veloce".