Equitalia, cartelle esattoriali: maxi rottamazione allo studio in legge Stabilità

Equitalia, cartelle esattoriali: maxi rottamazione allo studio in legge Stabilità

L'aggio di Equitalia è illegittimo.

Un tempo si chiamava aggio; oggi, invece, oneri di riscossione.

Una sentenza di qualche giorno fa della Commissione Tributaria Provinciale di Treviso ha confermato che la percentuale di una cartella di pagamento da versare a Equitalia come compenso della sua attività è un aiuto di Stato, dunque vietato dall'Unione Europea. Pertanto dette somme non sono dovute. In questo modo il contribuente sarebbe chiamato a saldare prima il debito ma ottenendo complessivamente una sensibile riduzione del debito stesso proprio attraverso la cancellazione di sanzioni ed interessi applicate sulla rate del piano di ammortamento che, lo ricordiamo, può avere una durata fino a 10 anni a patto che non si verifichi il mancato pagamento di otto rate mensili anche non consecutive.

Perchè l'aggio di Equitalia venga decurtato dalla cartella esattoriale, si può tentare il ricorso al giudice di pace. Cartella che non viene dichiarata nulla, ma semplicemente scontata.

L'aggio nelle cartelle esattoriali Equitalia andava dal 4,65% previsto nel caso in cui il pagamento sia effettuato dal contribuente entro i 60 giorni, all'8% nel caso in cui si protragga per i periodi successivi a questo termine. In caso di pagamento effettuato dopo 60 giorni dalla data di notifica della cartella, gli oneri di riscossione, interamente a carico del debitore, sono pari al 6% dell'importo dovuto. Il compenso ad Equitalia, per la riscossione dei tributi, però, dovrebbe essere versato dallo Stato e non dal cittadino poichè il servizio favorisce lo Stato e non il contribuente.

Peraltro, nel caso di pagamento della cartella entro i 60 giorni dalla notifica, Equitalia non svolge alcuna attività, limitandosi a spedire solo la cartella. I contribuenti sarebbero invogliati a chiudere i conti pendenti col fisco e lo Stato incasserebbe soldi che altrimenti potrebbero non essere mai incassati.

In secondo luogo, come riferisce lo Studio Cataldi, la Commissione ha rilevato che l'aggio esattoriale, essendo un aiuto di Stato che la normativa assegna ad un'impresa, si pone in contrasto con l'art. Per determinare se hai diritto a questa rateizzazione, basterà mettersi in contatto in maniera gratuita con lo sportello Tutela Aziende e Cittadini di Scafati che ti chiarirà ogni dubbio in merito.