Sono due suore e hanno preso una decisione incredibile

Sono due suore e hanno preso una decisione incredibile

È la storia di Isabel e Federica, due 44enne ormai ex suore, che si sono spostate questa mattina in comune a Pinerolo, in provincia di Torino. La loro è stata una vita dedicata agli altri, alle missioni, ai poveri e ai tossicodipendenti.

E così, da quando la legge Cirinnà è divenuta operativa il 29 luglio, sembra che il milione di italiani che si dichiarano omosessuali o bisessuali, per il momento, non abbiano sentito la necessità di questa legge "tanto richiesta". Isabel e Federica hanno 44 anni, una è italiana e l'altra sudamericana. "Dio vuole persone felici, che vivano l'amore alla luce del sole", le parole di Isabel. Franco Barbero non è propriamente un sacerdote: ha avuto parecchi problemi per le sue posizioni sui matrimoni gay, tant'è che, dopo numerosi processi ecclesiastici, nel 2003, ha ricevuto da Papa Paolo Giovanni II la sospensione a divinis. La cerimonia stata officiata in comune a Pinerolo, dal sindaco del movimento Cinque stelle, Luca Salvai. stato il primo cittadino a dare su Facebook l'annuncio. Al momento le lobby vicine alla Chiesa sono riuscite a negare loro un matrimonio, ma non un riconoscimento giuridico cdi un amore che qualche sedicenti "cattolici" vorrebbero vietare attraverso un'arbitraria attribuzione dei loro pregiudizi ad una fantomatica volontà discriminatorie di Dio. Le due ex consorelle non sono spaventate dalla reazione della Chiesa.

Una storia d'amore più unica che rara, che oggi fa parlare tutti i giornali: due ex suore che si sposano. Il rito consiste nella benedizione della coppia: una messa lunga e partecipata, con liberi interventi e ricordi. "Ma qui non si tratta soltanto di trovare un lavoro e uno stipendio, ma di un progetto di inclusione. Le due donne hanno una grande esperienza nell'insegnamento, vedremo...", dice alla Stampa il segretario, Fedele Mandarano. Del resto proprio a lui le due ex suore si erano rivolte ed è stato proprio lui a guidarle verso la difficile decisione di andare in Vaticano per chiedere di essere sciolte dai voti.