Daniela Dessì, la lirica piange la sua grande soprano

Il famoso soprano è venuto a mancare al Poliambulanza di Brescia dopo aver combattuto a lungo con un male che non le ha lasciato alcuno scampo.

Una terribile malattia l'ha strappata agli affetti, al figlio Jacopo e al compagno, il tenore Fabio Armiliato. Ma Daniela Dessì, "Tosca d'Italia e del mondo", grande soprano portata via la notte scorsa a soli 59 anni da una malattia fulminante, non era solo una voce pucciniana. A fine luglio la Dessì aveva annunciato sul suo account Facebook che per motivi di salute era obbligata a cancellare gli eventi estivi e aveva dato appuntamento ai suoi "amici" per il giorno 8 ottobre per un grande concerto sacro alla Basilica di Loreto. Il suo debutto avvenne nella città natale con 'La serva padrona di Pergolesi'.

Lutto nel mondo della lirica. Per l'Opera venne premiata Daniela Dessi', 'voce incantevole che ha ricevuto il Premio dalla collega soprano Katia Ricciarelli, gia' Donna Eccellente 2005, e da Claudio Scimone, maestro dei Solisti Veneti'. Innumerevoli e apprezzate le sue interpretazioni che hanno spesso stupito i pubblici di grandi teatri come la Scala di Milano, Metropolitan di New York e la Deutsche Oper di Berlino. Moltissime le sue collaborazioni in questi anni di carriera, dal Teatro alla Scala di Milan con direttore Riccardo Muti con cui ha partecipato a Don Carlos, Requiem di Verdi, Le Nozze di Figaro, Così fan tutte e Falstaff. La sua ultima apparizione scaligera, nel 2009, concludeva una nutrite serie di presenze nella stagione dei concerti di canto.