Allegri: "La Juve torni pratica e concreta, non si vince sempre 3-0"

Allegri:

Anche se il tecnico dichiara di non aver ancora deciso tutta la formazione, si sbilancia fortemente sul centrocampo: "Giocheranno Pjanic, Khedira e Hernanes, con Alex Sandro pronto a fare la mezz'ala sinistra, anche se Evra potrebbe essere un'alternativa valida". "Niente di particolare, voleva parlare alla squadra", hanno minimizzato questi ultimi.

Vigilia di Champions League, tempo di conferenza stampa, con Massimiliano Allegri che ha analizzato il momento della sua Juventus in vista dell'impegno di domani contro la Dinamo Zagabria: "Dobbiamo fare i tre punti, ma sappiamo che domani sarà complicato, perchè vincere in trasferta in Champions non è mai semplice. Non so quanti punti ci vorranno per superare il turno, ma noi dobbiamo cercare la vittoria partita dopo partita". "La domanda non va fatta a me (ma Allegri aveva già detto trattarsi di una ipotesi solo a partita in corsa, ndr) quello che conta è l'interpretazione, siamo pronti sia a giocare a tre che a quattro".

Dinamo Zagabria-Juventus è anche la partita degli ex. Questo mi preoccupa: l'illusione porta alla superficialità, la superficialità porta all'errore. E su Higuain: "Domani gioca". La Juve torna dalla gita in Croazia, perché di questo si è trattato, confortata sia dalla prestazione che dal risultato. La Juventus, però, non ha alcuna intenzione di cedere Dybala: pronto un rinnovo del contratto con i fiocchi per l'argentino che andrà a firmare un prolungamento fino al 2021 con un ingaggio che arriverà a toccare 4.5 milioni di euro proprio per evitare eventuali tentazioni spagnole. Fino ad ora la Juventus ha vinto le partite che doveva vincere, e deve tornare ad essere pratica e senza essere illusa dal dover vincere tutte le partite 3-0. Voglio i tre punti attraverso la prestazione. Tutte stanno facendo fatica, se vincessimo tutte la partite 3-0 sarebbe facile, ma non è così. "Dopo il pareggio, è fondamentale la vittoria".