17enne stuprata, le amiche fanno un video e lo mandano su WhatsApp

17enne stuprata, le amiche fanno un video e lo mandano su WhatsApp

E la denuncia arriva al magistrato che apre un fascicolo per violenza sessuale.

Ubriaca, è stata portata nel bagno da un ragazzo che non si è fatto problemi ed ha approfittato della giovane facendo sesso con lei nonostante non fosse in condizioni di decidere.

Le amiche della vittima, senza rendersi conto della gravità della situazione, hanno filmato ciò che è successo nel bagno del locale.

Al momento le indagini sono seguite dal sostituto procuratore Davide Ercolani, che si sta occupando di ricostruire gli eventi della serata e di arrivare all'identità del ragazzo che si è macchiato dello stupro, che potrebbe essere di origine albanese. Non l'hanno aiutata, non hanno fermato la violenza, ma si sono soltanto preoccupate di riprendere la scena: una ragazzina semisvenuta in balia di un bruto.

Secondo la ricostruzione dei fatti da parte dei carabinieri, la 17enne quella sera aveva esagerato con l'alcol, anche se ancora non è chiaro se abbia bevuto di sua iniziativa o se sia stata indotta da altri, tanto da perdere quasi i sensi.

La ragazzina avrebbe scoperto la violenza solo vedendo il filmato nei giorni successivi decidendo di confessare tutto alla madre che si è rivolta ai carabinieri. Una cosa che fa accapponare la pelle, giovani scriteriate prive di sensibilità che, invece di correre in aiuto dell'amica che sta subendo quell'orrore, pensano a immortalare la scena, come se niente di quello che stava succendo le riguardasse.

La 17enne, però, di quella sera ricorda ben poco. Gli inventigatori stanno ancora interrogando altre minorenni.