Pokémon Go: Niantic ritira alcuni ban

Pokémon Go: Niantic ritira alcuni ban

Alcuni utenti hanno scoperto nel codice sorgente di Pokémon GO alcune delle novità che dovrebbero venire implementate nei prossimi aggiornamenti. Ora Niantic sta rimuovendo tali ban effettuati erroneamente, mentre chi è stato realmente scorretto continuerà a rimanere bannato.

Sembrerebbe che alcuni account abbiano ricevuto la revoca del ban (principalmente coloro che non sapevano dei rischi che correvano utilizzando alcuni add-on).

"Continuiamo a lavorare per assicurare l'integrità del gioco e la salute dei nostri server bloccando l'accesso non autorizzato a volte togliendo l'accesso agli account che attaccano".

Dopo l'ondata di ban in Pokémon Go arrivano le prime buone notizie: via allo "sban" per chi usava mappe add-on.

Qualsiasi applicazione di questo tipo può infatti collezionare silenziosamente i vostri dati, che finiranno nelle mani dei loro sviluppatori, con o senza il vostro consenso.

Detto questo, la stessa Niantic ricorda che molte App di terze parti e di origine dubbia sfruttano la popolarità di Pokémon Go per raccogliere informazioni personali o lanciare attacchi ai server di gioco in stile DDoS (Distributed Denial Of Service, metodo preferito dagli hacker per gli attacchi informatici). Questa è una piccola parte degli account bloccati. Gli account il cui unico scopo era quello di prelevare i dati non verranno più riammessi. Così come gli account che hanno utilizzato app o siti per catturare a distanza i pokémon. "La nostra priorità è quella di garantire un'esperienza corretta, divertente e legittima per tutti i giocatori, per tanto, il ban aggressivo proseguirà verso tutti i giocatori che praticano attività scorrette".