Folgorazione a Capaccio: muore anche Martino Marino

Folgorazione a Capaccio: muore anche Martino Marino

Capaccio Paestum. E' deceduto stamattina anche Martino Marino, l'imprenditore agricolo di 46 anni rimasto folgorato mercoledì pomeriggio da una potente scarica elettrica in località Gromola di Capaccio-Paestum. Dopo tre giorni di ricovero in prognosi riservata, purtroppo, le sue condizioni di salute si sono aggravate ieri, quando è andato in coma: troppo gravi le lesioni cerebrali riportate a seguito della violenta scossa da 20mila volt in quel maledetto pomeriggio, quando si trovava nei pressi della villa in costruzione per caso.

Il bilancio del drammatico incidente sul lavoro verificatosi a Capaccio Paestum è salito a due vittime. Ci ha lasciato una persona onesta, un esempio per tanti giovani, sono veramente rattristato e vicino ai familiari, in particolare alla moglie, la signora Claudia Seno, che in queste ultime settimane è messa a dura prova dalla vita che gli sta riservando momenti assai dolorosi”. De Nigris è morto sul colpo, mentre Marino, che stava dando solo una mano agli operai, era entrato in coma. Il sogno di una vita normale stroncato da un grafico incidente che, oggi, ha strappato alla vita un altro operaio. Marino lascia i due figli, Pietro e Speranza, e la moglie Claudia, già provata dalla scomparsa del fratello Giuseppe, morto appena un mese fa per un arresto cardiocircolatorio mentre giocava a calcetto con gli amici a Mattine.

Sulla vicenda indagano i Carabinieri della Compagnia di Agropoli, diretti dal capitano Francesco Manna e la Procura di Salerno ha aperto un'inchiesta per fare luce sulla vicenda.