Calcio: Pisa, si dimette Rino Gattuso

Calcio: Pisa, si dimette Rino Gattuso

"Ma qui si è ampiamente passato il segno", la spiegazione di Gattuso.

Come si ricorderà tra Gattuso e Lucchesi, da una parte e il presidente Petroni, dall'altra, dopo la partita di Foggia c'era stato un vivace scambio di battute, ma alla fine le divergenze erano state superate.

Gennaro Gattuso stavolta ha detto basta veramente.

"Commento le dimissioni di Gattuso dal ruolo di allenatore del Pisa con grande dispiacere, con grande amarezza e anche con grande sorpresa, perche' nessuno di noi se l'aspettava". Il tecnico autore della promozione in serie B, in un comunicato riportato anche dalla Gazzetta dello Sport, dichiara che "In seguito ai nuovi, gravi, costanti e inaccettabili problemi societari, che impediscono una corretta e seria condizione lavorativa, e per il rispetto che ho sempre portato e porterò alla città di Pisa e alla tifoseria del Pisa, mi vedo obbligato a rassegnare le dimissioni irrevocabili dalla carica di allenatore del Pisa calcio, unitamente al mio staff". Avevo sperato che la situazione si potesse superare attraverso il lavoro sul campo e la dedizione. "Le ambiguità all'interno del club e nella sua gestione hanno decisamente oltrepassato il limite". "VIVERE ALLA GIORNATA" - "L'attuale condizione del club non offre alcuna prospettiva - continua -. Ho purtroppo dovuto constatare che la mia era un'illusione". La mia gratitudine verso il Pisa e Pisa non potrà mai venire meno. "Non è facile lavorare quando non vi sono certezze sul futuro, l'organizzazione societaria è la prima pietra su cui si costruiscono i risultati". L'ex campione del mondo 2006 ha deciso definitivamente di lasciare ad un mese di distanza dalla rottura con una parte della società, che avrebbe voluto ingaggiare Zdenek Zeman al suo posto all'indomani della promozione in B. Una frattura mai ricomposta del tutto e che ha portato in mattinata ad un clamoroso comunicato di addio.