Sala: "Grandissima mobilitazione Milano sarà ancora più bella"

Sala:

"Ho vinto io, ma in realtà hanno vinto tutti quelli che hanno lavorato con me - ha aggiunto - il loro contributo è stato più importante del mio, che sono stato alla testa di tutti loro". Primo appuntamento da sindaco: "Domani sarò a pranzo con i bambini i un asilo, non vi dico dove".

Giuseppe Sala è il nuovo sindaco di Milano.

Quanto ai commenti sul voto amministrativo quello di Gianfranco Rotondi, deputato di Forza Italia e leader di Rivoluzione Cristiana, è il più arduo: "Il 'modello Milano' è l'esempio di come non si deve costruire il nuovo centrodestra: una somma di caste politiche del passato, infagottate dietro una presunta faccia nuova". L'ha spuntata alla fine Sala, il manager prestato alla 'politica', che scese in campo dopo un serrato corteggiamento del premier Matteo Renzi, durato mesi, iniziato quando ancora era Commissario Unico di Expo, la sua carta da visita.

Se infatti nella sfida del primo turno Berlusconi aveva segnato un punto nel duello contro l'ala estrema incarnata da Salvini e Giorgia Meloni, sbarrando a quest'ultima la porta del ballottaggio a Roma, il senso complessivo di questa tornata elettorale, che certo non premia le ali moderate, rafforza invece la stessa area battuta nel primo turno. Durante il suo primo intervento in pubblico, Sala ha fatto sapere che "c'è gioia ma anche responsabilità". La folla canta a ripetizione "Bella Ciao", sui social impazza l'immagine dell'arcobaleno che in serata aveva illuminato Milano, esattamente come quello che cinque anni fa aveva salutato la vittoria di Pisapia su Letizia Moratti. Intanto è già entrato a Palazzo Marino, assieme all'ex sindaco Giuliano Pisapia. Il candidato di centrodestra Stefano Parisi è in svantaggio con il 46,5%-50,5% rispetto al 49,5%-53,5% di Beppe Sala. Ho fatto i complimenti anche a lui, che ha fatto un grande risultato. Ma se Albertini pensa che sia mancato un po' di centro per riuscire a vincere, l'ex ministro Ignazio La Russa è dell'idea contraria, cioè che si sia puntato troppo al centro perdendo voti della destra e della lega. Ci sono voluti altri quindici giorni per convincere i milanesi a ampliare a tutta la città la terapia con cui Mr Expo ha salvato la kermesse meneghina.