Muore durante la diretta streaming su Facebook

Muore durante la diretta streaming su Facebook

Nel video si può notare come ad un certo punto il live viene interrotto dal rumore di alcuni colpi di pistola. Poi le immagini sono confuse, si vede l'erba, si sentono gli spari in lontananza: un colpo di pistola ha ferito a morte il giovane, come riporta l' Abc.

Morire in diretta su Facebook, questo il destino di Antonio Perkins, 28 anni di Chicago, i cui ultimi istanti di vita sono stati trasmessi su Facebook Live. Antonio è stato colpito alla testa e al collo da una raffica di dieci colpi d'arma da fuoco. Il ragazzo lascia cadere il telefono e a quel punto del filmato si sentono solo le grida degli amici che tentano di soccorlerlo. "Tony, stai bene, Tony?". Nell'ultimo periodo Perkins aveva ottenuto una promozione da McDonald dove lavorava e la sua vita sembrava essere assolutamente lontana dal mondo della criminalità. Tutto fa presupporre che Antonio si sia trovato nella traiettoria sbagliata al momento sbagliato, ma come anticipato gli investigatori stanno vagliando tutte le ipotesi; si presume che a premere il grilletto siano stati degli esponenti di una gang criminale locale, anche se amici e parenti hanno totalmente escluso la possibilità che Antonio fosse il reale destinatario di quei proiettili che purtroppo lo hanno ucciso. In base agli "standard della comunità", Facebook rimuove contenuti che "celebrino o glorifichino la violenza" ed era stato censurato perciò il video dell'assassinio in diretta in Virginia, nell'agosto dell'anno scorso, da parte di un cronista che sparava a due ex-colleghi mentre realizzavano un'intervista tv, postato sui social dallo stesso perpetratore: "Ho filmato la sparatoria, andate a vederla su Facebook".