Vaccini, ecco la nuova circolare: AstraZeneca, cosa cambia

Vaccini, ecco la nuova circolare: AstraZeneca, cosa cambia

In realtà - come ha poi chiarito il ministro della Salute Roberto Speranza - "la nota ufficiale" è la circolare firmata dal direttore della Prevenzione Giovanni Rezza in cui si indica di procedere con Pfizer o Moderna.

Coloro che erano programmati in data odierna verranno regolarmente vaccinati con vaccino m-RNA (Pfizer e Moderna), se invece i cittadini under 60 che avrebbero dovuto ricevere la seconda dose oggi con AstraZeneca non si dovessero presentare, riceveranno un sms con un nuovo appuntamento nei prossimi giorni.

Una scelta, si legge su Repubblica, che avrà inevitabilmente ripercussioni sulla campagna vaccinale, che ha superato i 40 milioni di somministrazioni e raggiunto, con una dose, il 49% degli italiani vaccinabili: "è chiaro, conferma il Commissario per l'emergenza Francesco Figliuolo, che ci sarà un impatto, ma sono convinto che tra luglio e agosto riusciremo a mitigarlo".

"Abbiamo scelto di adottare un comportamento rigoroso" commenta il vicepresidente della Regione con delega alla Salute Riccardo Riccardi, che ieri sera ha comunicato che il Friuli Venezia Giulia, su indicazione della Direzione centrale Salute, al pari di altre regioni in via cautelativa aveva deciso di sospendere la somministrazione della seconda dose del vaccino Astrazeneca agli under 60. Dall'assessorato spiegano che "si sta facendo una riprogrammazione tenendo conto: del vaccino a disposizione, delle prime dosi in programma agli under 60 (adesso principalmente 40enni e 30enni), dell'intervallo tra prima e seconda dose".

In attesa delle decisioni del Cts, in Umbria è stata sospesa la somministrazione della seconda dose del vaccino AstraZeneca per gli under 60. Sono 118 mila i richiami previsti in questa fascia che di età che ancora devono essere effettuati in Sardegna.