SIENA, 4 indagati per strupro: due sono calciatori

SIENA, 4 indagati per strupro: due sono calciatori

Un fardello pesante da portare sulle spalle per una giovanissima. L'episodio riferito dalla ventenne alle autorità sarebbe avvenuto durante una festa in città e risalirebbe ad alcuni giorni fa. Le indagini sono scattate dopo la denuncia della ragazza.

Che prende in carico rapidamente le presunte violenze e cerca di cristallizzare i fatti, dando ad essi la massima priorità. Per lei è stato attivato il protocollo 'Codice Rossò per la protezione della vittima.

Sequestrare cellulari e mettere nero su bianco i racconti di chi può avere visto o ricevuto confidenze.

Un presunto stupro di gruppo sarebbe accaduto a Siena, durante una festa privata in una casa nella notte fra il 30 e il 31 maggio, a cui avrebbe partecipato anche un 17enne, ora indagato a piede libero.

Proprio la ex compagna, che dopo l'arresto del giovane raccontò ai carabinieri di aver subito vessazioni e violenze per tutto l'anno in cui era durata la loro relazione e che oggi è parte civile nel processo assistita dall'avvocato Gian Luigi Pieraccini, è stata sentita dal collegio giudicante, presieduto dalla giudice Piera Tassoni con a latere i giudici Alessandra Martinelli e Andrea Migliorelli. Dei ragazzi finiti i domiciliari, uno è un calciatore tesserato nelle giovanili di una squadra professionistica di Serie A e almeno un altro è siciliano: la squadra mobile locale è arrivata infatti sull'Isola ad eseguire le ordinanze e acquisire ulteriori prove, tramite perquisizioni e interrogatori.