Ristoranti, bar, sport: regole e riaperture 1 giugno, cosa cambia

Ristoranti, bar, sport: regole e riaperture 1 giugno, cosa cambia

Si torna nel ristorante preferito anche se al chiuso e in tutti i bar della Campania si potrà finalmente tornare a prendere il caffè al banco.

No. In zona gialla non si può. Lunedì prossimo, tuttavia, la nostra regione dovrebbe passare in zona bianca e questo significherebbe la scomparsa di ogni limitazione di orario.

Da domani, 1° Giugno, per le Regioni in zona gialla, compresa la Sicilia, cambiano alcune cose importanti.

Il buffet nei locali deve essere servito dal personale, o erogato con prodotti confezionati in monodose, i clienti non possono toccare il cibo o le bevande per evitare eventuali contaminazioni con la trasmissione del virus.

I clienti dovranno indossare la mascherina in ogni occasione in cui non sono seduti al tavolo: si consiglia inoltre la consultazione on line del menu, attraverso soluzioni digitali, oppure di predisporli in stampa plastificata, disinfettandoli dopo l'uso. In tali attività non possono essere continuativamente presenti all'interno del locale più clienti di quanti siano i posti a sedere. In zona gialla resta invece fisso dalle 23 alle 5 del mattino successivo fino al 6 giugno. Aperte anche le discoteche, ma solo per somministrazione e ristorazione: insomma, si mangia e si beve ascoltando musica ma non si può ballare. L'attuale scade il 31 luglio e non è più prorogabile, ma è probabile che il governo decida comunque di rinnovare il provvedimento, se non altro per garantire ancora l'utilizzo delle mascherine e il distanziamento, la possibilità di utilizzare lo smart working e il lavoro del Commissario per l'emergenza Francesco Figliuolo. Le attività devono svolgersi nel rispetto delle linee guida adottate dalla Presidenza del Consiglio dei ministri - Dipartimento per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), sulla base di criteri definiti dal Comitato tecnico-scientifico. Le piste da ballo al momento sono ancora chiuse.

Dal 14 giugno, infatti, potrebbe essere la volta buona per Trento, Emilia, Lazio, Puglia, Lombardia, Piemonte e Toscana. L'orario per il rientro a casa obbligatorio sarà alla mezzanotte.

Stesso discorso per altre feste e ricevimento dopo cerimonie (religiose o civili), sempre con il green pass. E saltato anche il limite di massimo 4 persone al tavolo, saranno nuovamente possibili le tavolate tra amici.