Navalny, per Putin "ha violato legge". Biden: "Se muore, conseguenze"

Navalny, per Putin

La conferenza stampa di Putin.

Se ascoltiamo le due conferenze-stampa salta all'occhio che Putin cita fatti concreti per argomentare le sue risposte, mentre Biden ha citato solo slogan politici che pronuncia da una vita durante sua lunga carriera professionale come politico.

Putin ha detto che il summit con Joe Biden è stato costruttivo. "Siamo più vicini adesso", ha detto Putin. Ad annunciarlo è stato il presidente russo nella conferenza stampa conclusiva. Sulla messa al bando della sua organizzazione e di altri enti facenti capo all'opposizione, il presidente russo afferma che non avrebbe potuto fare altro, dal momento che erano state sostenute da una potenza, gli Usa, che aveva definito la Russia un nemico il cui sviluppo andava arrestato. E poi l'uscita degli Stati Uniti dall'Accordo sui "Cieli aperti", non c'è rimasto più niente! Lo stesso Putin si è detto pronto a "iniziare consultazioni sulla cyber security" a fronte della lista di infrastrutture che gli americani non vogliono come obiettivi sensibili di attacchi informatici, come ridabito anche da Biden: "Ho dato a Putin una lista di 16 infrastrutture che devono essere off-limits da ogni forma di attacco", ha riferito il presidente americano. E sui diritti umani, dei quali si è parlato su iniziativa di Biden, Mosca non intende ascoltare lezioni, giacché "ci sono carceri della Cia all'estero dove le persone vengono torturate e la tortura non è rispetto dei diritti umani". "Ho detto chiaramente al presidente Putin che continueremo a sollevare il tema dei diritti umani fondamentali". - Putin la sua solita prontezza di ingegno gli ha fatto notare di essere "un noto e invidiabile compilatore", "un vero artista in questo": "Lei dice che in Occidente ritengono che la Russia si comporta in modo imprevedibile ma questo non significa che questo corrisponde alla verità e mi permetto di ricordarle che è proprio l'America che fa esattamente questo: le ricordo solo che gli Stati Uniti nel 2002 si sono ritirati dal Trattato ABM per la difesa contro i missili balistici, una cosa assolutamente imprevedibile, ma perché hanno fatto questo, perché c'era bisogno di distruggere le fondamenta della stabilità internazionale nella sfera della sicurezza strategica?" In Europa c'erano prigioni dove si torturava. "In Russia stiamo sviluppando il nostro percorso", ha aggiunto Putin. A un possibile ingresso dell'Ucraina nella Nato invece si è appena accennato perché, chiarisce Putin, "su questo punto non c'è nulla da discutere".