Bimbo di 21 mesi scompare da una comunità in Mugello - TGR Toscana

Bimbo di 21 mesi scompare da una comunità in Mugello - TGR Toscana

Le ricerche di Nicola Tanturli, il bambino scomparso nell'alto Mugello, in provincia di Firenze, vanno avanti con oltre 200 persone, tra forze dell'ordine, uomini della protezione civile e 18 squadre di volontari, impegnate sulle tracce del piccolo di 21 mesi. Secondo quanto spiegato dalla donna, la famiglia del piccolo non fa parte della comunità, che fa capo all'ecovillaggio di Campanara, ma vive in un casolare distante circa 2 chilometri dalle altre case. Centinaia di persone si sono mobilitate per perlustrare i boschi.

Il raggio delle ricerche, che vengono condotte anche con droni, elicotteri e cani molecolari, è molto ampio, circa 30 km quadrati, perché non si conosce l'ora esatta in cui il bimbo si è allontanato e lo spazio che può aver percorso. A dare l'allarme in mattinata sono stati i genitori che vivono in una comunità in località Campanara, a ottocento metri di altezza, vicino al confine con l'Emilia-Romagna. Secondo quanto ricostruito, la sua mamma e il suo papà lo avrebbero messo a letto e il mattino dopo non lo avrebbero più trovato. Ricerche sono in corso da parte di vigili del fuoco e carabinieri. Le prime ipotesi fanno pensare ad un allontanamento autonomo del piccolo che potrebbe essersi perso non ritrovando più la strada di casa, magari fra i boschi. Il piano delle ricerche è coordinato dalla Prefettura di Firenze, che in serata ha diffuso la foto del bimbo per agevolare le ricerche. "Il bosco è denso ed è una zona vincolata, un Sito di interesse comunitario (Sic), dove non è possibile fare tagli, quindi le ricerche sono molto difficoltose, la copertura vegetale è molto estesa e fitta". "Era abituato ad uscire dalla casa, a vivere e giocare all'aria aperta" ha raccontato il sindaco di Palazzuolo sul Senio, Gian Piero Philip Moschetti. "Continueremo a cercare il bimbo per tutta notte, non ci fermiamo", ha aggiunto parlando con l'Adnkronos.