Covid: dal coprifuoco al green pass, tutte le novità

Covid: dal coprifuoco al green pass, tutte le novità

Si tratta di due donne, entrambe decedute in ospedale: l'età media è di 82 anni.

Il coprifuoco, attualmente fissato alle 22 in Italia, sarà tra i temi della cabina di regia tra il premier Mario Draghi e i capi delegazione delle forze di maggioranza per decidere di eventuali allentamenti delle misure anti-Covid.

Vuoi restare aggiornato sui dati della pandemia, sui divieti e sulle novità? Infine, la Regione Veneto comunica che il dato dei casi confermati da test antigenico è diminuito in quanto i confermati da molecolare sono stati ricollocati. Le uniche precauzioni da seguire nelle Regioni bianche saranno le mascherine e il distanziamento.

Nelle ultime 24 ore, in Italia, sono morte 201 persone a causa del Coronavirus.

Il Gabinetto ha consentito ai ristoranti di servire cibo ai clienti fino al 1 giugno e riapre le palestre nelle aree gialle e bianche dal 1 giugno al 24 maggio.

Riparte il wedding. Il settore dei matrimoni riprende dal 15 giugno con "green pass". Gli invitati, dovranno infatti esibire un tampone con esito negativo effettuato nelle 48 ore precedenti l'evento, oppure il certificato di avvenuta guarigione dal Sars-CoV-2 o ancora il certificato di vaccinazione. Parteciperanno, tutti in presenza, i ministri Daniele Franco, Roberto Speranza, Giancarlo Giorgetti, Stefano Patuanelli, Dario Franceschini, Maria Stella Gelmini, Elena Bonetti, il sottosegretario Roberto Garofoli, il coordinatore e portavoce del Cts Franco Locatelli.

Sul fronte dello sport. Anche se, come ha ricordato Claudio Sileo, direttore di Ats Brescia, per il suo territorio di competenza (esclusa la Valcamonica) è necessario arrivare a 80 casi al giorno per uscire dalla zona di pericolo. Tra le ipotesi di un suo utilizzo, anche per l'ingresso in sale giochi, bingo e casinò che riapriranno dal primo luglio e le discoteche.

Cambiano i parametri per definire i colori delle Regioni.

Il Commissario si è poi soffermato sui periodi che intercorrono tra la prima e la seconda somministrazione, pari a 42 giorni per Pfizer e Moderna e dalle quattro alle 12 settimane per Vaxzevria, sottolineando come "l'ampiezza di questi intervalli è tale da consentire prenotazioni della vaccinazione che siano compatibili con i periodi di ferie".