Andrea Zhok - Pensate davvero che quella di Letta sia una proposta seria?

Andrea Zhok - Pensate davvero che quella di Letta sia una proposta seria?

Il Partito democratico, in una nota, aveva chiarito che la proposta di Letta era da intendersi in vista della prossima legislatura.

"Per essere seri va finanziata non a debito (lo ripagherebbero loro) ma chiedendo all'1% più ricco del paese di pagarla con la tassa di successione", ha scritto su Twitter Letta che per ottenere quell'obiettivo - come si legge in un passo dell'intervista anticipata da Corriere.it - si dice "disposto a venire a patti anche sulla legge elettorale".

A Salvini fa eco Giorgia Meloni che sembra aprire a una collaborazione con l'esecutivo sul tema del fisco: "Bene Draghi sulla proposta di Letta sulla tassa di successione". Il segretario del Pd ha spiegato anche che la tassa di successione arriverebbe al 20 per cento, e che all'estero la percentuale è di molto superiore all'attuale 4 per cento italiano: 30 per cento in Germania e 45 per cento in Francia. E' stato lo stesso Letta a parlare di "generazione Covid".

Feltri ne ha pure per lo ius soli, invocato dalla sinistra e riproposto proprio da Letta non appena divenuto segretario del Partito Democratico.

"Il mio sogno è trattenere i ragazzi italiani in Italia, senza però farli restare in casa con mamma e papà fino a trent'anni - è la tesi del segretario del Pd -". Con la proposta di una dote da 10mila euro per tutti i 18enni, da finanziare tassando le successioni sopra i 5 milioni di euro. Il problema principale del nostro Paese è che non fa più figli.

La dote verrebbe assegnata alla generazione Covid, ovvero a tutti i giovani che oggi hanno un'età compresa tra i 13 e i 17 anni. In questa circostanza, il Presidente del Consiglio ha dichiarato: "Non ne abbiamo mai parlato, non l'abbiamo mai guardata ma non è il momento di prendere i soldi dai cittadini ma di darli". "La prima che ha sparato è stata quella di voler dare il voto a chi ha 16 anni: ma se noi i ragazzi non riusciamo neanche a mandarli a scuola, vogliamo mandarli al seggio?".