8mila migranti raggiungono Ceuta negli ultimi due giorni, la Spagna schiera l'esercito

8mila migranti raggiungono Ceuta negli ultimi due giorni, la Spagna schiera l'esercito

Perché la Spagna ha ritenuto utile non avvisare il Marocco? Fonti diplomatiche marocchine, secondo i media spagnoli, hanno detto di non essere a conoscenza di maggiori dettagli sulla richiesta di consultazioni. La portavoce Marlaska ha anche ribadito che tra la Spagna e il Marocco esiste un rapporto di "collaborazione e coordinamento" continuo da quando l'attuale governo spagnolo è in carica (2018).

RABAT Sono oltre ottomila i migranti, quasi tutti marocchini, arrivati a nuoto o dopo essersi arrampicati su ripide scogliere, che nelle ultime 48 ore sono riusciti a raggiungere Ceuta, la città autonoma amministrata dalla Spagna sulle coste del Nord Africa. In pieno giorno, con agenti spagnoli come testimoni, i membri della gendarmeria marocchina hanno aperto uno dei cancelli nella loro area di recinzione di frontiera per consentire l'accesso a dozzine di immigrati clandestini. La forza delle onde ha però strappato il neonato alla donna.

Ma come si è arrivati a questa situazione? Le immagini sono state registrate da agenti spagnoli che, sbalorditi, assistono alla scena.

Ceuta e una crisi migratoria senza precedenti grazie alla passività della polizia e delle autorità marocchine.

Negli ultimi giorni, il flusso di persone è aumentato a un ritmo record: 8.000 persone hanno attraversato il confine dal Marocco alla Spagna in una sola settimana.

"È una grave crisi per la Spagna e per l'Europa", ha detto il premier Pedro Sánchez prima di volare personalmente a Ceuta per una visita d'urgenza insieme al ministro dell'Interno Fernando Grande-Marlaska, assicurando che il Paese avrebbe agito "con fermezza di fronte a qualsiasi sfida e circostanza". Una notizia poco rassicurante, visto che i rimpatri avverranno attraverso quelle stesse frontiere da dove sono stati fatti deliberatamente uscire. "Voglio comunicare a tutti gli spagnoli, e specialmente a quelli che vivono a Ceuta e Melilla, che ristabiliremo l'ordine con la massima celerità - le sue parole prima della partenza - l'integrità di Ceuta come parte della nostra nazione, la nazione spagnola, la sua sicurezza e la tranquillità dei nostri compatrioti e residenti di quell'area sono garantiti dal governo spagnolo con tutti i mezzi disponibili".

L'invasione di migranti nella località a tutti gli effetti spagnola ha fatto seguito alla decisione del governo Marocchino di chiudere le sue frontiere e impedire così il rientro nei suoi confini dei cittadini extra Ue.

Intanto, il giudice dell'Audiencia Nacional (Tribunale Nazionale) Santiago Pedraz ha deciso di riaprire un processo contro Ghali per presunti crimini di tortura o genocidio.