Vaccino anti-Covid, il Veneto ha superato il milione di dosi somministrate

Vaccino anti-Covid, il Veneto ha superato il milione di dosi somministrate

Attualmente il ritmo delle vaccinazioni prosegue velocemente, circa un terzo della popolazione, ha infatti già ricevuto almeno una dose di vaccino.

La vicenda di AstraZeneca, indipendentemente dal mancato blocco, ha però sicuramente inciso sulla reputazione del siero.

Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.

In questa prospettiva, Zaia ha però commentato negativamente la presa di posizione dell'Ema: "Abbiamo capito che quando c'è brutto tempo evita di uscire di casa". La Russia aveva già reso noto che i militari e gli impiegati statali erano stati coinvolti nei test del vaccino sviluppato da un laboratorio statale e finanziato dal Fondo russo per gli investimenti diretti, il fondo sovrano del Cremlino. Si passerà poi gradualmente alla fascia 70-80, iniziando progressivamente la discesa verso i più giovani. Nelle ultime 24 ore sono stati somministrati 34.681 vaccini.

140 mila le dosi in Veneto (tra Moderna ed Astrazeneca), 125mila dosi di Pfizer previste sono arrivate martedì mattina "Abbiamo ancora 400mila fragili da vaccinare, ma dovremmo riuscire a farlo in fretta". È bastata ad esempio la riapertura delle liste a Padova per registrarne 14 mila in una sola ora. Tra questi, la previsione che la prenotazione per un disabile vale anche per i caregiver e la possibilità di autodichiarazione dello status di accompagnatori dei vulnerabili.

Mentre si stanno valutando nuove aperture, il Veneto è ritornato in zona arancione. Nella seconda e terza ondata siamo passati ad un rapporto 8:1.

Questi i dati di oggi, giovedì 8 aprile 2021, sull'emergenza Coronavirus nella Regione Veneto: 4.674.877 tamponi molecolari, 3.978.986 test rapidi, 44.878 tamponi nelle ultime 24 ore, 1.241 positivi intercettati nelle ultime 24 ore, 392.294 positivi intercettati in Veneto dall'inizio dell'emergenza sanitaria, 34.139 positivi in questo momento, 2.268 ricoverati totali per Covid (30 in meno di ieri) di cui 321 terapie intensive Covid (2 in meno di ieri) e 1.947 ricoverati in area non critica (28 in meno di ieri), 266 pazienti non Covid in terapia intensiva, 10.861 morti in totale (24 morti in più di ieri) e 18.696 pazienti dimessi dagli ospedali. "Crescono in proporzione i ricoveri in terapia intensiva", dice Zaia.