Un funzionario dell'EMA ammette il "legame" tra AstraZeneca ei casi di trombosi

Un funzionario dell'EMA ammette il

In sintesi: nelle prossime ore diremo che il collegamento c'è.

Nasce però il problema riguardante le persone che hanno già effettuato il primo vaccino, specialmente le più giovani che appartengono alle categorie del personale scolastico e delle forze dell'ordine: lo scorso 2 aprile, solo l'1% dei docenti e Ata avevano ricevuto la seconda dose del vaccino.

La precisazione dell'Agenzia regolatoria è arrivata dopo le dichiarazioni di Marco Cavaleri, responsabile per Ema della strategia sui vaccini, che al Messaggero aveva spiegato "ora è sempre più difficile affermare che non vi sia un rapporto di causa ed effetto tra la vaccinazione con AstraZeneca e casi molto rari di coaguli di sangue insoliti associati a un basso numero di piastrine". Le indagini si stanno concentrando proprio sui rari di trombosi segnalati in vari Paesi, soprattutto nelle giovani donne. Sembrerebbe che le reazioni avverse abbiano riguardato le donne sotto i 50 anni ma "ci sono stati casi anche tra i 50 e i 60 e ci sono anche uomini, circa il 20 per cento. Età media attorno ai 45-47 anni".

Molti Paesi come Francia, Olanda, Islanda, Svezia, Finlandia e Canada hanno deciso di limitare l'uso del vaccino AstraZeneca agli over 60, mentre in Italia si prosegue con la campagna di vaccinazione.

Come ha anticipato il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri, intervenuto a Radio 24, è possibile che l'Ema indichi che per una determinata categoria/fascia d'età è meglio non utilizzare AstraZeneca. Lo ha annunciato l'Università di Oxford, che ha precisato di aver preso la decisione in attesa di un'analisi, effettuata dall'agenzia del farmaco britannica, la MHRA, sulla possibile correlazione fra il vaccino anti-coronavirus e i casi di trombosi tra gli adulti. "Abbiamo risposto alla sollecitazione della Cisl scuola che ha fatto una convenzione con un nostro laboratorio salentino per eseguire a un prezzo conveniente uno screening di questo tipo sugli insegnanti, maggiormente sottoposti al vaccino AstraZeneca".