La Puglia resta in zona rossa

La Puglia resta in zona rossa

Intanto, in Puglia la curva epidemiologica continua a salire, ma è il fronte ospedaliero a preoccupare: in Puglia è stata superata la soglia critica di occupazione dei posti letto sia nelle terapie intensive che nell'area Medica. In arancione Abruzzo, Basilicata, Calabria, Liguria, Sicilia, Umbria, Toscana, Valle d'Aosta, Molise e Sardegna (che abbandona così la zona bianca).

"Dobbiamo spingere tutte le aziende a lasciare a casa il numero più alto possibile di persone per evitare che si contagino sul luogo di lavoro", ha annunciato. Da ieri sono stati registrati altri 30 morti.

Come riferito in un altro articolo, alle 15 di oggi riparte la campagna vaccinale per il mondo della scuola, che non si era fermata solo nell'ambito dei soggetti fragili, ai quali è destinato il vaccino Pfizer, ragion per cui la campagna per loro non ha subito rallentamenti. Dopo il record di nuovi positivi registrato ieri con oltre 2mila contagi, oggi i casi registrati sono 1.785 su 11.636 test: 652 in provincia di Bari, 154 in provincia di Brindisi, 147 nella provincia Bat, 270 in provincia di Foggia, 239 in provincia di Lecce, 315 in provincia di Taranto, 1 caso di residente fuori regione, 7 casi di provincia di residenza non nota.

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 1.731.033 test. Sono guariti 126.314 mentre sono 40.507 sono i casi attualmente positivi. Oggi pomeriggio sono riprese le vaccinazioni con AstraZeneca, i primi ad essere immunizzati sono state le forze dell'ordine, da domani si ricomincerà anche con il personale scolastico. Le Regioni restano praticamente tutte nello stesso scenario.