Etna, riprende l'attività stromboliana dal cratere Sud-Est

Etna, riprende l'attività stromboliana dal cratere Sud-Est

Eruzione Etna, inizia l'11° parossismo delle ultime settimane!

Si registra un incremento dell'attività stromboliana al cratere di sud-est accompagnata da emissione di cenere che "si disperde rapidamente in atmosfera in direzione nord-est", si legge nell'ultimo bollettino pubblicato dall'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, osservatorio etneo. La sorgente del tremore risulta in prossimità del cratere di SE ad una profondità di 2500 m s.l.m. Il numero degli eventi infrasonici è alto e la loro localizzazione è in prossimità del cratere di SE.

Continua l'attività esplosiva intra-craterica ai crateri sommitali. Dal punto di vista sismico l'ampiezza del tremore vulcanico si è riportata su valori medi. "I dati delle reti di monitoraggio delle deformazioni del suolo GNSS e clinometria non mostrano variazioni significative".