Covid, ecco il piano nazionale: obiettivo 80% di vaccinati entro settembre

Covid, ecco il piano nazionale: obiettivo 80% di vaccinati entro settembre

500mila somministrazioni al giorno di vaccino Covid per arrivare a immunizzare almeno l'80% della popolazione entro il mese di settembre. Sono alcuni degli obiettivi fissati dal piano del Commissario straordinario, generale Francesco Paolo Figliuolo, per l'esecuzione della campagna vaccinale nazionale. I due pilastri per condurre una rapida campagna sono la distribuzione efficace e puntuale dei vaccini e l'incremento delle somministrazioni giornaliere.

Tre sono le linee operative della campagna: approvvigionamento e distribuzione, attraverso costante contatto della struttura commissariale con tutti gli stakeholder. Ad oggi sono state approvvigionate 7,9 milioni di dosi, che si raddoppieranno entro le prossime tre settimane.Entro la fine di giugno è previsto l'arrivo di altre 52 milioni di dosi circa, mentre ulteriori 84 milioni sono previsti prima dell'autunno.La seconda linea operativa è relativa al monitoraggio costante dei fabbisogni con interventi mirati, selettivi e puntiformi sulla base degli scostamenti dalla pianificazione. Un numero di vaccini molto importante, pensato per fronteggiare l'emergenza ma che non potrà fare a meno delle restrizioni in vigore da lunedì.

Il piano prevede "una riserva pari a circa l′1,5% delle dosi, per poter fronteggiare con immediatezza esigenze impreviste, indirizzando le risorse nelle aree interessate da criticità prevedendo l'impiego di rinforzi del Dipartimento di Protezione Civile e della Difesa".

"Capillarizzazione della somministrazione, incrementando la platea dei vaccinatori e il numero di punti vaccinali". Per allestire nuovi centri potranno essere utilizzati siti produttivi, le aree della grande distribuzione, le palestre, le scuole, le strutture di associazioni e della Conferenza episcopale italiana.

Per quanto riguarda la distribuzione sul territorio e la somministrazione dei farmaci si cercherà un accordo con i 44 mila medici di famiglia, odontoiatri (60.000) e medici specializzandi (23.000). C'è poi un capitolo sul potenziamento della rete vaccinale che a oggi conta 1733 punti vaccinali.

L'obiettivo del piano, 80% della popolazione vaccinata in poco più di sei mesi, è ambizioso soprattutto vista la base di partenza attuale, con il 3,2% degli italiani immunizzati. Stando a quanto riportato, la struttura commissariale si doterà di "soluzioni informatiche per l'ampliamento delle funzioni di prenotazione e somministrazione dei vaccini, garantendo la circolarità delle informazioni e dando così impulso alla campagna".

"Normalmente io faccio le battaglie per vincerle, mica per perderle", dice in una battuta il generale Figliuolo, esperto di logistica, dicendosi particolarmente ottimista in merito alla questione. E proprio in merito a questo, Figliuolo afferma: "Io sono uno che controlla le cose che fa, la chiave è comando accentrato, esecuzione decentrata". "Ecco, noi ci attrezziamo a essere più bravi".