Covid Campania, 2.981 nuovi casi e 27 morti: bollettino 11 marzo

Siamo in guerra! - tuona De Luca - Perché quando cominci ad avere 15mila positivi e 400 o 500 morti al giorno in Italia vuol dire che siamo in guerra.

Consueta conferenza in diretta su Facebook del governatore della Campania Vincenzo De Luca. Reggiamo con le degenze e i posti letto, ma se non blocchiamo il contagio nel giro di dieci giorni dovremo chiudere altri reparti.

Dal presidente della giunta regionale anche un chiarimento sul blocco di alcuni lotti del vaccino AstraZeneca. "Evitiamo psicosi, non ci sono motivi per essere angosciati, c'è un problema del quale bisogna parlare con estrema chiarezza. In Italia guardiamo ai peli e ai contropeli mentre in Israele i vaccini sono stati fatti in un bar". "Noi dobbiamo però dare la massima tranquillità e sicurezza ai nostri concittadini". "I due vaccini camminano su binari diversi - ha concluso - qualcuno a volte ha la sensazione che si stanno vaccinando persone che non rientrano nella priorità, è che per non rimanere fermi si utilizza l'altro vaccino, due vaccini diversi e due percorsi diversi". Credo che, dalla prossima settimana, inizieranno anche a vaccinarsi disabili e malati cronici. Purtroppo, il vaccino Pfizer-Moderna non è disponibile in quantità sufficienti: "soltanto in Campania, abbiamo 1 milione di cittadini considerabile come categoria più fragile".

"L'obiettivo è porre fine a questo calvario nel 2021". Ad oggi "173mila hanno ricevuto due dosi, se andiamo con questi ritmi noi in dieci mesi arriviamo a vaccinare non più di70mila persone, e intendo entrambe le dosi". Stiamo lavorando per fornirci di altri vaccini, ci dicono che dovrebbero arrivare milioni di dosi per aprile, maggio, giugno. L'equivoco è stato determinato da un orientamento nato dal Governo nazionale che ha detto di considerare, dopo le seconda fasce, anche le categorie che svolgono lavori di pubblica utilità.

De Luca aggiorna sulla campagna di vaccinazione: "Facciamo un punto di chiarezza sulle vaccinazioni". Abbiamo chiarito che le fasce deboli sono i disabili, i malati cronici, i cardiopatici, i malati oncologici, i diabetici, i dializzati, che nella nostra regione sono un milione. Seguono il mondo della scuola e forze dell'ordine. "Per le altre persone viene utilizzato Astrazeneca".

La vaccinazione del presidente della Repubblica ha riacceso le polemiche sul vaccino Pfizer che si è fatto somministrare il governatore campano a dicembre senza attendere il suo turno. C'era chi diceva che soprattutto il Pfizer poteva causare mutazioni genetiche, sui social c'erano comitati che sfidavano gli esponenti politici a fare per primi i vaccini. Cioè se erano dipendenti del Ministero o no!