Conferenza stampa Draghi: cosa ha detto su Covid, Sostegni, vaccini

Conferenza stampa Draghi: cosa ha detto su Covid, Sostegni, vaccini

"Questa è la mia prima visita in un sito vaccinale, è stata una visita breve ma veramente bella".

"A più di un anno ci troviamo di fronte a una nuova ondata dei contagi". "Questi numeri impongono massima cautela", ha dichiarato l'ex governatore della Bce annunciando l'approvazione del nuovo decreto Draghi 12 marzo 2021 che entrerà in vigore lunedì 15 marzo 2021 fino al 6 aprile, Pasqua e Pasquetta comprese.

Il Decreto Sostegno verrà approvato la prossima settimana, ma non basta: al Parlamento verrà proposto un nuovo scostamento di bilancio con il quale riconoscere ulteriori aiuti alle famiglie e alle imprese. Ma queste misure saranno accompagnate dalle misure del governo: garantiremo il lavoro agile a chi ha figli in quarantena, per chi non ha accesso a smart working sarà garantito accesso a congedi parentali. L'Italia ha scelto di cominciare la sua campagna vaccinale dal personale delle strutture sanitarie.

Per poi assicurare che la campagna vaccinale proseguirà con un'intensità ancora più forte: "Solo nei primi undici giorni di marzo è stato somministrato quasi il 30% di tutte le vaccinazioni fatte fino all'inizio di questo mese: è il doppio della media dei due mesi precedenti". Abbiamo proceduto a vaccinare nelle Rsa, dove vivono i nostri concittadini più fragili. Mentre completeremo la vaccinazione di queste categorie, procederemo rispettando un ordine dato dall'età e dalle condizioni di salute. Ha promesso ad autonomi e partite Iva "contributi in forma più semplice e immediata e senza criteri settoriali". A questo proposito l'appello alla popolazione da parte del presidente del Consiglio è stato piuttosto chiaro: "A tutti chiedo di aspettare il proprio turno, come ha fatto in maniera esemplare il Presidente della Repubblica". Draghi ha confermato che il vaccino Astrazeneca è "sicuro" in quanto il parere dell'Aifa - condiviso anche da molti scienziati - è che "non c'è alcuna prova di un legame tra questi eventi e la somministrazione del vaccino". Solo in questo modo "ci dimostreremo comunità solidale, proteggendo chi più ha da temere per gli effetti della pandemia". Il presidente del Consiglio ha ribadito quanto la decisione di Aifa di bloccare un lotto di vaccini AstraZeneca dopo la segnalazione di casi avversi, sia "una scelta del tutto precauzionale e che dimostra l'efficacia dei sistemi di farmacovigilanza".

In queste ore l'EMA sta esaminando i casi sospetti, ma nonostante questo ha comunque consigliato di proseguire con l'utilizzo del vaccino.

L'annuncio: "Di oggi è la conclusione del primo contratto tra un'azienda italiana e un'azienda titolare di un brevetto. Il ritmo giornaliero attuale è di circa 170mila dosi al giorno, l'obiettivo è triplicarlo presto, utilizzando tutti gli spazi utili per la vaccinazione".