Manette e spray al peperoncino contro una bimba di nove anni

Manette e spray al peperoncino contro una bimba di nove anni

Anche se Biden ha sfruttato il movimento Black Lives Matter per essere eletto.

Due filmati delle telecamere della polizia, rilasciati domenica dal dipartimento di polizia, mostrano gli agenti che trattengono la bambina, la mettono in manette e tentano di farla entrare nel retro di una volante tra la neve mentre si sente la piccola piangere ripetutamente e chiamare suo padre. "Il modo in cui il nostro dipartimento di polizia si è comportato con questa bambina mi preoccupa molto:da questo video è chiaro che dobbiamo fare di più per sostenere i nostri bambini e le nostre famiglie". E' possibile sentire uno dei poliziotti dire alla ragazzina: "Ti stai comportando come una bambina" alché lei risponde, giustamente: "Sono una bambina".

Il vice capo della polizia Andre Anderson ha anche reso noto che la bambina soffre di una grave patologia psichica e, nelle fasi concitate riprese nel filmato, ha minacciato di uccidere la madre e di suicidarsi.

Nel video si sentono le voci degli agenti mentre dicono alla piccola che le avrebbero spruzzato il pepe se avesse continuato a opporre resistenza. Il motivo? Il giovane aveva affermato di avere l Covid ed aveva sputato contro uno degli agenti. Ma la sindaca afroamericana di Rochester, Lovely Warren, ha condannato l'uso della forza contro una bambina, preannunciando un'inchiesta interna. "Lavoreremo per assicurare che queste cose non succedano più". Siamo a Rochester, stato di New York, già scenario di un altro fatto che diede vita a manifestazioni di protesta contro la polizia, in seguito alla morte di Daniel Prue, un ragazzo afroamericano con seri problemi mentali, morto asfissiato dopo che gli stessi poliziotti gli avevano coperto la testa con un cappuccio.

L'allora capo della polizia si era dimesso dopo che il suo dipartimento era stato accusato di aver cercato di insabbiare la vicenda riportando la morte di Prude per overdose.