Covid, sempre in calo i contagi

Covid, sempre in calo i contagi

Al momento nessuna regione ha un Rt così basso da passare in zona bianca, mentre in zona rossa rimane la provincia autonoma di Bolzano che è entrata in zona rossa attraverso un'ordinanza regionale.

Oggi in Friuli Venezia Giulia su 7.254 tamponi molecolari sono stati rilevati 266 nuovi contagi con una percentuale di positività del 3,67%.

I CASI DI POSITIVITÀ - Questi i casi di positività sul territorio dall'inizio dell'epidemia, che si riferiscono non alla provincia di residenza, ma a quella in cui è stata fatta la diagnosi: 19.098 a Piacenza (+79 rispetto a ieri, di cui 38 sintomatici), 16.155 a Parma (+110, di cui 61 sintomatici), 30.490 a Reggio Emilia (+112, di cui 76 sintomatici), 40.820 a Modena (+282, di cui 225 sintomatici), 46.282 a Bologna (+384, di cui 265 sintomatici), 7.725 casi a Imola (+63, di cui 39 sintomatici), 13.672 a Ferrara (+87, di cui 29 sintomatici), 17.471 a Ravenna (+110, di cui 68 sintomatici), 8.887 a Forlì (+57, di cui 45 sintomatici), 10.287 a Cesena (+100, di cui 74 sintomatici) e 22.051 a Rimini (+154, di cui 83 sintomatici). Sui 535 asintomatici, 317 sono stati individuati grazie all'attività di contact tracing, 71 attraverso i test per le categorie a rischio introdotti dalla Regione, 20 con gli screening sierologici, 6 tramite i test pre-ricovero. La vigilanza deve restare alta però per individuare, come viene già fatto, quelle che potrebbero peggiorare la situazione in termini di trasmissibilità, sintomatologia o sensibilità nei confronti di vaccini e anticorpi, tenendo presente che questi ultimi possono essere comunque modificati per adeguarli alle versioni più pericolose.

L'RT PUNTUALE - Ecco i dati dell'Rt, regione per regione. Le altre hanno un Rt puntuale compatibile con uno scenario tipo uno. Il numero delle persone ricoverate nelle terapie intensive scende da da 2.214 (02/02/2021) a 2.143 (09/02/2021).

Nel dettaglio, in base alla bozza Iss-Ministero Salute, solo Sardegna e Valle d'Aosta hanno un'incidenza settimanale sotto i 50 casi per 100.000 abitanti (soglia oltre la quale il servizio sanitario ha mostrato i primi segni di criticità); l'incidenza supera invece la soglia di 250 casi per 100.000 abitanti in tre casi: PA Bolzano (770,12 per 100.000 abitanti) PA Trento (254,85 per 100.000 abitanti) e Umbria (283,28 per 100.000 abitanti). "È fondamentale che la popolazione eviti tutte le occasioni di contatto con persone al di fuori del proprio nucleo abitativo che non siano strettamente necessarie e di rimanere a casa il più possibile".

Le prossime settimane, dunque, "saranno strategiche - ribadisce l'infettivologo - quindi dal punto di vista dell'organizzazione per quanto riguarda le malattie infettive ci siamo organizzati preparandoci a un eventuale aumento dei contagi". Si ricorda che è obbligatorio adottare comportamenti individuali rigorosi e rispettare le misure igienico-sanitarie predisposte relative a distanziamento e uso corretto delle mascherine.