Commisso: "Non metterò più soldi nello stadio"

Commisso:

Riguardo all'ipotesi di un nuovo impianto sportivo a Campi Bisenzio il sindaco ha confermato piena disponibilità a valutare, insieme al Comune di Campi e alla Regione Toscana, un Piano di fattibilità tecnico-economica.

Una vicenda che continua a far discutere, ultimo capitolo che spetta a Rocco Commisso. Abbiamo cominciato con Campo di Marte ma, dopo tre mesi, la soprintendenza mi ha detto che non potevo fare quello che volevo. Vicino all'aeroporto è stata un'altra buffonata, volevano solo i soldi di Rocco. Ora siamo al punto di prima, con Campo di Marte, col Franchi; la soprintendenza mi ha detto che non potevo fare quello che volevo e io ho risposto: 'Se è un monumento, portate i soldi voi, perché ai monumenti deve pensarci lo Stato'. "Rocco non metterà più soldi in questo stadio".

Ben diverso il tono quando ha parlato del centro sportivo, il progetto di cui è più orgoglioso. Era un buon giocatore per la Fiorentina ma ha voluto andare via e sta avendo successo nella Juventus.

La squadra, dopo le difficoltà iniziali, è risalita in classifica e il giudizio sull'operato dell'allenatore subentrato a Iachini nel mese di novembre è chiaro: "Prandelli?". I risultati contano e conta pure la meritocrazia.

Quanto al futuro di Ribery ha spiegato: "In queste settimane mi pare di aver capito che vorrà forse rimanere qui, vediamo nei prossimi mesi. Prandelli è arrivato, lo ha fatto giocare è rifiorito e adesso tutti lo vogliono, ma io non lo do a nessuno", ha aggiunto. "Kokorin? Finora l'ho visto nei video, mi fido di Pradè". "Lo scudetto? Speriamo" ha concluso sorridendo.