Whatsapp, le nuove regole: "Cosa cambia? Cosa ho accettato?"

Whatsapp, le nuove regole:

All'epoca agli utenti era concessa la possibilità di disabilitare la connessione tramite una semplice impostazione guidata, ma le cose sono radicalmente cambiate. Cosa cambia ora su WhatsApp?

Prendere o lasciare. WhatsApp ha dato un aut aut ai miliardi di utenti della propria app, i quali dovranno accettare di condividere i loro dati con Facebook (e le aziende del gruppo), altrimenti non potranno più usare l'app. Tra i dati che WhatsApp colleziona troviamo i numeri di telefono degli utenti, i numeri dei contatti in rubrica, i nomi di profilo, le immagini profilo, dati sulle transazioni e i pagamenti, gli stati (inclusa l'ultima presenza online) e i dati diagnostici collezionati dai log.

A questo punto, la domanda, più che legittima, è: cosa succederà a chi ha accettato la nuova informativa sulla privacy e i relativi termini di utilizzo imposti da WhatsApp? Come recitano le nuove condizioni, che entreranno in vigore a partire dal prossimo 8 febbraio, le informazioni condivise saranno utilizzate per migliorare l'offerta dei servizi di Facebook e dei propri partner. WhatsApp "non condivide i dati degli utenti WhatsApp dell'area europea con Facebook allo scopo di consentire a Facebook di utilizzare tali dati per migliorare i propri prodotti o le proprie pubblicità" precisa ancora il portavoce. Facebook vuole trasformare WhatsApp in un servizio di e-commerce, come testimoniano i primi testi che sono in corso in India.

Il fattore che desta più preoccupazione è che, rispetto al passato, non ci sarà modo di evitarlo. "Una volta che l'utente immette il codice l'hacker assume il controllo del dispositivo e utilizza il nuovo profilo per continuare a rubare le identità e i dati altrui".

Se però tenete davvero alla vostra privacy e potete permettervi di abbandonare WhatsApp, questo è il momento per farlo?

Oggi 7 gennaio in tanti, anche in Italia, stanno visualizzando i nuovi termini di servizio di WhatsApp al loro primo accesso giornaliero all'app di messaggistica. Non ci sono vie di mezzo.

Rinunciare a WhatsApp equivale a rimanere tagliati fuori da comunicazioni con amici, colleghi, parenti e conoscenti - motivo per cui la libera scelta di non accettare i nuovi termini di servizio non è poi così libera. In poche parole, WhatsApp renderà di fatto obbligatoria la condivisione dei propri dati con Facebook ed app annesse. Infatti accettando la nuova informativa per la privacy, accetterà di condividere le sue informazioni con Facebook.