USA, Trump bandito definitivamente da Twitter

USA, Trump bandito definitivamente da Twitter

Già dallo scorso maggio Twitter aveva cominciato a segnalare i tweet di Trump che contenevano informazioni false e a nascondere i suoi tweet più controversi. Il tycoon avrebbe violato ripetutamente alcune regole e l'America si divide.

Twitter agisce, Donald Trump risponde. "La decisione spetta al Congresso, io ora sono concentrato su pandemia e crisi economica", ha glissato, accusando però Trump di essere uno dei presidenti più incompetenti della storia. Questo, "a causa del rischio di ulteriori incitamenti alla violenza", fa sapere Twitter. Infatti Trump ha deciso di rispondere al ban twittando direttamente dall'account presidenziale, @POTUS. Stiamo anche valutando la possibilità di una nostra piattaforma in un breve futuro. Mentre medita la riscossa politica guardando al 2024, Donald Trump cerca di tener buoni i suoi sostenitori, da lui stesso scaricati ieri in un video che ha gelato gli animi degli ultrà: "Voi non rappresentate il nostro Paese". In effetti nelle ultime settimane fasce sempre più vaste dell'elettorato trumpiano si stanno spostando dai social network più famosi a Parler, un social molto meno moderato rispetto a Twitter e Facebook e per questo adorato dall'alt-right.

Il presidente uscente degli Stati Uniti é solito far sparate che renderebbero qualsiasi altro politico impresentabile, ma fino a questi giorni nessun'azienda e nessuna diplomazia avevano mai osato muoversi in contrasto alla sua tossicità. Poi assicura: "non ci metteranno a tacere". Accuse pesanti quelle del 45esimo presidente americano, che non ha preso benissimo la rimozione del suo account. Contiene - ha raccontato nel 1980 Bill Gulley, direttore dell'ufficio militare della Casa Bianca, nel suo libro Breaking Cover - il "libro nero", composto da 75 pagine nere con testo bianco in formato lettera (8,5 × 11 pollici), in cui le opzioni di risposta ad un attacco nucleare sono scritte in rosso.

IL PROCEDIMENTO - Il leader dei repubblicani, Mitch McConnell, ha fatto già circolare fra i senatori le modalità da seguire. Vedremo se Trump proverà a crearsi un nuovo account o se procederà alla creazione di una nuova piattaforma.