Prandelli: "No interventi al Franchi? Una follia italiana" - Toscana

Prandelli:

Gli infortunati? "Stanno recuperando ma non posso confermare la completa guarigione di tutti".

(Domanda Labaroviola) Perchè si ha l'impressione che questa squadra con le due punte giochi meglio?

Kouamé, su di lui ho sempre speso parole belle, ragazzo serio, motivato, vuole sempre migliorare. Sono convinto che Rocco possa essere un innovatore, ho percepito in pochi minuti questa volontà di lasciare il segno anche a livello umano. "Penso che si possa considerare un attaccante moderno che può fare la punta in profondità ma anche sull'esterno da dove può raggiungere la porta segnando anche 10-15 gol".

"Domani affrontiamo una squadra che gioca insieme da tanto tempo e i giocatori si conoscono a memoria, il Napoli è una squadra di grande qualità tecnica e dobbiamo cercare di evitare di difenderci chiudendoci in area di rigore..."

Può giocare in tutti i ruoli, è un titolare come lo era Igor.

"Napoli? Dobbiamo colpirlo come fatto con la Juve con delle ripartenze veloci, ma senza farci condizionare dall'entusiasmo e cercando di non difendere troppo bassi". Poi se hai la qualità di Ribery e Callejon io ho il dovere di insistere su questa qualità.

Rivedremo i due trequarti e Callejon può giocare insieme a Ribery?

Vediamo gli infortunati, chi si può recuperare. Io ho l'obbligo di esaltare le qualità di questi giocatori. Contro la Juve non si giocava con le due punte. "Non so se è un'impressione o realtà". E poi sulla Fiorentina di adesso: "Oggi sono tornato per aiutare".

Il difensore della Fiorentina era infatti stato costretto a uscire nell'ultima gara di campionato per un problema muscolare alla coscia sinistra, che lo ha costretto a dare forfait in Coppa Italia. Gattuso è straordinario, ha ritrovato un giocatore forte come Lozano. Non tutto viene incastrato nell'immediato. Lui è stato bravo a motivare il giocatore in quel ruolo e gli ha fatto capire il proprio valore anche nelle due fasi. E' difficile fare paragoni col passato. Il Napoli rimane Napoli, molto competitiva, da anni nelle competizioni europee, tante difficoltà.

C'è un pensiero particolare giocando al Maradona?

Giocare al Maradona? Quando si parla di Maradona l'aspetto più importante è che anche i calciatori che sono stato avversari hanno avuto la capacità di conoscere l'uomo Maradona che è piaciuto a tutti e poi ha fatto sognare i bambini. Arrivare a Napoli in uno stadio che ha il suo nome... percepisci cosa significhi per la città.