Mercedes presenta l'MBUX Hyperscreen, lo schermo smart rivoluzionario

Mercedes presenta l'MBUX Hyperscreen, lo schermo smart rivoluzionario

Rappresenta l'intelligenza emotiva dell'ammiraglia full electric della Stella: il grande schermo curvo si estende quasi per l'intera larghezza, dal montante anteriore sinistro a quello destro. Il sistema operativo utilizzato dall'Hyperscreen è la seconda generazione dell'MBUX, Mercedes-Benz User Experience, rilasciato recentemente con la nuova Mercedes-Benz Classe S. Si tratta di fatto dell'evoluzione dell'MBUX rilasciato nel 2018 con la Classe A e attualmente incorporato in più di 1,8 milioni di vetture Mercedes-Benz.

A chi è nato e cresciuto con l'analogico lo MBUX Hyperscreen (che a breve debutterà sulla Mercedes EQS, al CES di Las Vegas) fornisce la misura del progresso compiuto dagli anni '40-'50 del secolo scorso ma ancora di più negli ultimi due anni, lasso di tempo in cui il concetto del tutto nuovo di integrare gli schermi in plancia fa apparire preistoria il sistema di infotainment MBUX lanciato solamente due anni fa. Gorden Wagener, Chief design officer Daimler Group, ha sottolineato che tutto è stato impostato per una logica "zero layer": "Darà modo di avere sempre a disposizione le funzioni principali del veicolo, eliminando l'uso di menù e comandi vocali complessi" ha detto. "Amiamo la semplicità e con questo sistema abbiamo raggiunto una nuova dimensione ", afferma.

Tutti i suggerimenti MBUX sono collegati al profilo dell'utente.

Interessante l'analisi tecnica: "L'Hyperscreen MBUX - spiegano gli ingegneri - è circondato da un telaio frontale in plastica continua". La sua parte visibile è dipinta attraverso un elaborato processo a tre strati in 'Silver Shadow'. Questo particolare dettaglio fa sembrare che l'unità Hyperscreen galleggi sul cruscotto. Se il sedile del passeggero non è occupato, lo schermo diventa una parte decorativa digitale.

Per un'immagine particolarmente brillante, la tecnologia OLED viene utilizzata nei display centrali e passeggeri. È qui che i singoli punti immagine sono auto-luminosi; i pixel dell'immagine non controllati rimangono spenti, il che significa che appaiono neri profondi.

I controlli possono essere più facili da usare rispetto alle precedenti auto dotate di MBUX. Un esempio di questo è la modalità EV dello stile di visualizzazione. Importanti funzioni dell'azionamento elettrico come il boost o il recupero di energia vengono visualizzate in un modo nuovo, con un cursore che si muove nello spaziale, e quindi rese immediatamente comprensibili. Un oggetto a forma di lente si muove tra i poli. Segue la gravità e quindi raffigura le forze della Forza G in modo impressionante ed emotivo.

Il sistema visualizza in modo proattivo le funzioni giuste al momento giusto per l'utente, supportate dall'intelligenza artificiale (vedi sotto gli esempi). La consapevolezza sensibile al contesto è costantemente ottimizzata dai cambiamenti nell'ambiente circostante e dal comportamento degli utenti.

Il sistema offre inoltre più di 20 funzioni, dal sistema di massaggio attivo a diversi promemoria, come il compleanno, ma anche elenchi di cose da fare, tutti offerti automaticamente con l'aiuto dell'intelligenza artificiale.

Moduli magici è il nome interno che gli sviluppatori hanno dato a questi moduli di suggerimento, che vengono mostrati sul livello zero.