Lutto in Vaticano: morto Fabrizio Soccorsi, medico personale del Papa

Lutto in Vaticano: morto Fabrizio Soccorsi, medico personale del Papa

È morto Fabrizio Soccorsi, medico del Papa. Nella giornata di ieri si è spento Fabrizio Soccorsi, medico del Papa di 78 anni. Ad annunciare la morte del medico è stato l'Osservatore Romano. Francesco lo aveva scelto come medico personale nel 2015. Viene riferito che l'uomo fosse ricoverato al Policlinico Gemelli per una patologia oncologica, ma che a causarne la morte sarebbe stato il Covid-19: la malattia avrebbe infatti peggiorato le sue condizioni pregresse. Il medico del Papa, romano, era stato anche consulente della Direzione di sanità e igiene del Governatorato dello Stato della Città del Vaticano e perito della consulta medica della Congregazione delle cause dei santi. Quindi, in seguito Fabrizio Soccorsi insegnato immunologia presso la scuola medica ospedaliera di Roma e della Regione Lazio. "C'è un negazionismo suicida che non saprei spiegare - ha dichiarato il pontefice sudamericano al Tg5, in un'intervista che andrà in onda domani 10 gennaio alle 20.40 -".

Papa Francesco eretico
Morto di Covid Fabrizio Soccorsi, medico di Papa Francesco dall’agosto 2015

In base alle prime anticipazioni del TGCom, Papa Francesco è a favore delle vaccinazioni anti-Covid: "Credo che eticamente tutti debbano prendere il vaccino - ha detto il Santo Padre - è un'opzione etica, perché tu ti giochi la salute, la vita, ma ti giochi anche la vita di altri". Un colloquio con il giornalista Fabio Marchese Ragona, vaticanista di Mediaset, affrontando diversi temi di stretta attualità a partire dalla pandemia. Lui infatti si sottoporrà alla vaccinazione già la prossima settimana. Il Papa ha anche stigmatizzato le manifestazioni violente dei sostenitori di Trump che hanno assaltato Capitol Hill e ha trattato temi diversi, come k'aborto. Lo dice Papa Francesco nell'intervista trasmessa domenica 10 gennaio da Canale 5. Un excursus sulla storia personale e spirituale di Jorge Bergoglio, nato da immigrati astigiani in Argentina.