La variante brasiliana fa paura, ospedali di Manaus al collasso

La variante brasiliana fa paura, ospedali di Manaus al collasso

La variante brasiliana di Covid-19 ha costretto il Ministro della Salute italiano, Roberto Speranza, a prendere una drastica decisione: bloccati i voli da e per il Brasile.

"Chiunque si trovi già in Italia in provenienza da quel territorio - si legge nell'ordinanza - è tenuto a sottoporsi a tampone contattando i dipartimenti di prevenzione".

Non bastavano quella brittanica e quella sudraficana, oltre alla variante che ha già causato così tanti problemi e così tanta sofferenza: pare ci sia un'altra variante di Coronavirus, quella brasiliana, molto contagiosa e in grado di superare l'immunità. Per questa ragione l'Italia ha scelto "la strada dell'estrema prudenza" interrompendo i collegamenti aerei con il Brasile. Il Regno Unito al momento ha chiuso i confini a tutti i voli provenienti da Portogallo, Sud America, Panama e Capo Verde. Già in precedenza il Governo italiano aveva fatto sapere di seguire con attenzione l'evolversi della nuova mutazione che si è trovata in Brasile. Il caso di una infermiera che però si è reinfettata ha fatto suonare il campanello d'allarme. Il secondo contagio è avvenuto lo scorso 30 dicembre e le analisi hanno mostrato "una mutazione compatibile con la variante del virus Sars-Cov-2 individuata di recente dal ministero della Salute giapponese ma originaria dell'Amazzonia". Nella seconda infezione i sintomi della donna sono peggiorati. La mutazione genetica, chiamata E484K, cambia la forma della proteina spike all'esterno del virus in un modo che potrebbe renderla meno riconoscibile a un sistema immunitario "addestrato" a individuare versioni del virus che non hanno la mutazione.