Il gigantesco buco dell’ozono sull’Antartide si è chiuso

Il gigantesco buco dell’ozono sull’Antartide si è chiuso

Il buco dell'ozono aperto nel 2020 sull'Antartide si è finalmente chiuso pochi giorni prima della fine del 2020, dopo che nei mesi precedenti aveva assunto dimensioni da record che avevano preoccupato gli scienziati.

Si è chiuso il buco dell'ozono record in Antartide: dopo il picco di 24,8 milioni di chilometri quadrati, i valori sono tornati alla normalità. Stiamo parlando del buco dell'ozono che qualche giorno fa, alla fine di dicembre, si è chiuso. Può essere influenzato da eventi atmosferici naturali o da fattori umani, come l'inquinamento.

"Le ultime due stagioni del buco dell'ozono antartico dimostrano la sua variabilità di anno in anno e migliorano la nostra comprensione dei fattori responsabili della sua formazione, estensione e gravità", ha spiegato in una nota Oksana Tarasova, capo della divisione di ricerca sull'ambiente atmosferico dell'Omm.

Secondo quanto viene spiegato dall'Omm, la riduzione dell'ozono è direttamente correlata alla temperatura nella stratosfera, che è lo strato dell'atmosfera tra circa 10 km e circa 50 km di altitudine. La WMO ha rinnovato la collaborazione di tutti i Paesi del mondo per cercare di migliorare la situazione, precisando che "abbiamo bisogno di continue azioni internazionali per rinforzare il Protocollo di Montreal". Questo perché le nubi stratosferiche polari, che hanno un ruolo importante nella distruzione chimica dell'ozono, si formano solo a temperature inferiori a -78 ° C. Queste nuvole stratosferiche polari contengono cristalli di ghiaccio che possono trasformare i composti non reattivi in composti reattivi, che possono quindi distruggere rapidamente l'ozono non appena la luce del sole inizi ad avviare le reazioni chimiche.

Nel caso del buco del 2020, un vortice polare molto forte ha portato a una costante diminuzione delle temperature alle altitudini dello strato di ozono, prevenendo allo stesso tempo l'arrivo dell'aria ricca di ozono che lo avrebbe "guarito".