F1, Domenicali: "Mi aspetto una Ferrari che possa lottare" - Sportmediaset

F1, Domenicali:

"Al di là delle restrizioni dei singoli paesi e dello slittamento della gara inaugurale in Australia a novembre, l'obiettivo è di correre tutti i GP". L'unica cosa che posso anticipare, anche se deve essere formalizzata - ha concluso - è che le gare partiranno alle 14, alle 15, alle 17 e non con i 10' in più. "Stop quindi a quanto avvenuto negli ultimi anni quando il semaforo verde si spegneva alle 14.10, 15.10, etc..."

Il nuovo Ceo (Amministratore Delegato) della F1 Stefano Domenicali ha rilasciato delle dichiarazioni dove ha auspicato un ritorno della Ferrari in grado di competere e smuovere il campionato ormai fermo sullo strapotere della Mercedes e di Hamilton. Anche se i regolamenti sono congelati sono sicuro che le cose andranno meglio rispetto allo scorso anno. Hanno avuto modo di lavorare sulla power unit e mi aspetto che siano vicini all'obiettivo di tornare veramente in lotta per la vittoria.

Ovviamente, non è mancato un accenno a Maranello: "Sono convinto che la Ferrari tornerà presto ad essere competitiva".

Pur riconoscendo le difficoltà di organizzazione e gestione degli eventi causa Covid-19, per Domenicali la priorità è, come accaduto nel 2020, cercare di iniziare la stagione mantenendo i 23 appuntamenti in calendario: "La priorità è far partire il campionato e dato che c'è instabilità per quello che sappiamo, il tema più importante è portarlo a termine". Mentre in merito alla questione legata al campione del mondo: "Hamilton?" Tuttavia non sta a me dire se firmerà o meno il rinnovo con la Mercedes.

Il nuovo CEO di Liberty Media si augura di rivedere una Formula 1 ancor più equilibrata e spettacolare. Ha infatti anche l'opportunità di continuare ad avere un ruolo che va al di là della dimensione sportiva E lo potrà fare anche in futuro, in altre realtà.