Esame scudetto con la Juve | Conte si affida ai 'titolarissimi'

Esame scudetto con la Juve | Conte si affida ai 'titolarissimi'

- "Il gap che si è colmato con la Juventus penso che nessuna squadra in Italia possono dirlo".

Insomma, solito tentativo di passare la pressione sulla Juventus, forse nessuno si è accorto del cambio generazionale in casa Juve, ma forse sottolinearlo sarebbe una cosa troppo obiettiva e si dovrebbe dire che Conte dopo l'uscita dalla champions ha l'obbligo di vincere lo scudetto. - RaiSport: Per il derby d'Italia #Inter in cerca di conferme, con la rosa al completo #calcio #SerieA #InterJuventus??

Il tecnico dei nerazzurri, Antonio Conte, ha presentato la super sfida dal Suning Training Centre di Appiano Gentile. Parliamo di un calciatore che ha vinto tanto e giocato in grandi club, sono sicuro che farà bene.

Proprio sul Covid aveva parlato anche Andrea Pirlo che in attesa di giocare la partitissima contro l'Inter in conferenza stampa aveva accennato alla paura di ritrovarsi con qualche giocatore positivo a ridosso del match. Anche quest'anno mettono Chiesa, Morata, McKennie e Kulusevski: c'è un grande lavoro e ogni anno cercano di migliorarsi.

Conte sul distacco della Juventus dalle altre squadre e sui miglioramenti visti dalla sua squadra dice: "Penso che nessuna squadra possa dire di aver colmato il gap in Italia, per nove anni hanno dominato e operato in una maniera importante, riuscendo sempre a cambiare, a volte a ringiovanire, a volte a prendere giocatori di esperienza". I due tesserati sono stati già messi in isolamento e la società è in contatto con l'Asl per le procedure che permetteranno al resto del gruppo squadra di continuare ad allenarsi regolarmente. Sulla possibilità di Eriksen regista di centrocampo Conte dichiara: "Dobbiamo valorizzare e sfruttare al meglio il potenziale della rosa". Non illudiamoci, ma attraverso il lavoro tante squadre come l'Inter si stanno avvicinando. Con noi ha giocato in più posizioni e avere un giocatore duttile è un vantaggio e può essere utile. "Avremmo fatto a meno volentieri di perderlo, ma con il rientro di Giorgio e con Leo ci sentiamo ancora più forti". Esiste ancora, anche se la classifica racconta altro. Contro le grandi squadre sai che non puoi sbagliare niente.