Conte fa chiarezza: "Non ho mai chiesto Dzeko all'Inter"

Conte fa chiarezza:

Come si risolve allora questa situazione?

"Sono io che ho chiesto al club di non fare ricorso, bisogna accettare le situazioni e se hanno deciso così è giusto accettarla".

"Inutile fare fumo o creare situazioni di instabilità". Come riportato da 'gazzetta.it', in questo caso non è da sottovalutare proprio il 'caso' che oggi ha visto Tiago Pinto e Allegri nello stesso albergo, e non è escluso che a quel punto che la società possa valutare di 'sacrificare' Fonseca per il reintegro di Dzeko e quindi di conseguenza sostitutire il portoghese proprio con Massimiliano Allegri. Ho sempre detto che questa è una squadra forte che può arrivare fino alla fine. Non parlo di Dzeko, ho grandissimo rispetto per lui, per la Roma e per i miei. La situazione è chiara, i giocatori rimarranno questi a meno che qualcuno non chieda di andare via. Poco cinici? Dobbiamo lavorare sulle occasioni e qualità dell'ultimo passaggio. Creiamo tanto in ogni partita, spesso e volentieri i portieri avversari sono i migliori in campo, ma dobbiamo essere più determinati con chi arriva in porta. "Possiamo e dobbiamo migliorare".

Sul calendario. Venerdì è confermato che si gioca a Firenze?

"Domanda che deve essere fatta alla società. Con la Coppa Italia non vedo il motivo per cui non spostare la gara a sabato". Con noi lo stadio della Roma si farà e se vorrà farlo anche la S.S. Lazio ancora meglio.

Che strascichi può lasciare questa vicenda? Sicuramente è un'arma in più. Sanchez è un giocatore dell'Inter, deve stare solo concentrato al di là delle voci.

La squadra potrà risentire della tua assenza?

"Non ho mai chiesto nulla al club, tantomeno Dzeko, siete lontani anni luce. Sappiamo che gara ci aspetta contro il Benevento, ho uno staff molto preparato che mi sostituirà alla grande". Pensa ci sarà un'inchiesta da parte della Figc? Il mio compito è fare l'allenatore.