Concerti: TicketOne multata da Antitrust per abuso posizione dominante

Concerti: TicketOne multata da Antitrust per abuso posizione dominante

L'azienda ha ricevuto una sanzione da 10 milioni di euro per abuso di posizione dominante. Di seguito tutti i dettagli. La multa di 10 milioni di euro dell'Antitrust al gruppo CTS Eventim - TicketOne arriva infatti dopo che per quasi due anni il tg satirico ha condotto numerose inchieste sul mondo degli eventi live e dei concerti, raccogliendo le testimonianze di diversi imprenditori che raccontavano di pressioni e soprusi subiti da parte della Friends & Partners di Ferdinando Salzano, una controllata del gruppo multato dall'Autorità garante della concorrenza e del mercato.

L'Antitrust ha spiegato che la strategia di TicketOne si basava su una serie di condotte atte a danneggiare la concorrenza.

I danni ai consumatoriL'Autorità ha, inoltre, imposto all'impresa dominante di concedere agli operatori di ticketing concorrenti la possibilità di vendere con qualsiasi modalità e mediante qualsiasi canale, a condizioni eque, ragionevoli e non discriminatorie, almeno il 20% del totale dei biglietti relativi agli eventi live di musica leggera prodotti o distribuiti da ciascun promoter ovvero dagli operatori di ticketing vincolati in esclusiva al gruppo CTS Eventim-TicketOne.

L'attuazione della strategia abusiva del gruppo, sottolinea ancora il Garante, ha danneggiato anche i consumatori perché l'impresa dominante ha potuto praticare commissioni di vendita dei biglietti per eventi live di musica leggera superiori a quelli dei concorrenti.

La vicenda si riferisce dunque esclusivamente al mercato della musica leggera, un settore che nel 2019 secondo fonti SIAE ha prodotto oltre 18.000 eventi con 1,2 milioni di presenze e 386 milioni al botteghino, mentre il giro d'affari per il ticketing è arrivato a 50 milioni. E questo problema è ancora irrisolto.

TicketOne respinge fermamente le affermazioni contenute nel provvedimento dell'Agcm.

TicketOne, dal canto suo, ha annunciato l'intenzione di impugnare la sentenza e fare ricorso. "L'Autorità - si legge in una nota - ha preso una decisione manifestamente inappropriata, basata su una definizione del mercato rilevante errata e in violazione di norme imprescindibili in materia. TicketOne si appellerà al tribunale amministrativo competente, fiduciosa, alla luce della precedente giurisprudenza, che anche questo provvedimento sarà revocato". Responsabile di redazione. Romana. Sono laureata con lode in Scienze della Comunicazione alla Sapienza con una tesi sul confronto di quattro quotidiani italiani durante la guerra del Kosovo e ho proseguito gli studi con un master su Immigrati e Rifugiati.