Arnold Schwarzenegger : Trump? Un fallito, il peggior presidente della storia

Arnold Schwarzenegger : Trump? Un fallito, il peggior presidente della storia

L'attore ha definito Donald Trump un "leader fallito" facendo analogie fra gli episodi di violenza al Congresso e la Germania nazista. È un perdente, verrà ricordato nella storia come il peggior presidente di sempre. Nei giorni scorsi infatti sono state diverse le star di Hollywood che hanno espresso la propria indignazione di fronte agli eventi del 6 gennaio, accusando Trump di aver organizzato di fatto un tentativo di colpo di stato, millantando brogli elettorali e diffondendo menzogne e fake news per manipolare l'opinione pubblica. "La cosa buona è che sarà presto irrilevante come i suoi vecchi tweet", ha dichiarato Schwarzenegger (VIDEO IN COPERTINA). Sono cresciuto circondato da uomini distrutti, che bevevano per dimenticare le loro colpe per aver partecipato al peggior regime della storia. Mercoledì la Notte dei Cristalli è avvenuta qui negli Stati Uniti. Sono cresciuto sulle rovine di un Paese che ha sofferto la perdita della democrazia. Tutto è cominciato con bugie, bugie, bugie e intolleranza. In un video accorato condiviso domenica mattina, l'ex governatore repubblicano della California ha implorato gli americani di unirsi, paragonando la repubblica democratica alla spada... Non credo che ciò accadrà, ma dobbiamo essere consapevoli delle conseguenze dell'egoismo e del cinismo. È infatti notizia degli ultimi giorni che gli account Facebook e Twitter di Donald Trump sono stati sospesi a tempo indeterminato, sollevando non poche polemiche se si tratti o meno di censura.

Poi un augurio a Biden: "Presidente eletto Biden ti auguro di avere grande successo come presidente, perché il tuo successo è il successo della nostra nazione". "Siamo con Lei, oggi, domani, sempre, dalla parte di chi difende la nostra Costituzione da quanti la minacciano". Schwarzenegger afferma che la spada più è temprata e più forza incamera paragonando la spada alla democrazia americana che più subisce attacchi e più forte diventa.

Schwarzenegger ha anche rincarato la dose nei confronti dell'ex alleato: "Ha assunto posizioni e atteggiamenti indifendibili che non possono essere tollerate da nessuno, in particolare negli Stati Uniti dove il concetto di libertà è molto più alto che altrove".

Poi la chiusura, prendendo in mano la spada di Conan il Barbaro, uno dei personaggi che lo rese famoso negli anni '80: "La nostra democrazia è stata costretta a uno stop". Dobbiamo guarire insieme dal trauma di ciò che è appena accaduto.