Alex Zanardi, perizia: "Il camion non invase la corsia opposta" - Sportmediaset

Alex Zanardi, perizia:

L'incidente ad Alex Zanardi, accaduto il 19 giugno sulla provinciale 146 tra Pienza e San Quirico d'Orcia nel Senese, non sarebbe stato provocato dall'invasione della corsia del Tir che quel giorno stava transitando dal senso opposto di marcia del campione paraolimpico ma, probabilmente, dalla stessa presenza del camion che avrebbe provocato una sterzata o una frenata improvvisa di Zanardi.

L'incidente di Alex Zanardi con la sua handbike torna a tingersi di mistero. Uno sconfinamento ritenuto tuttavia dalle perizie "trascurabile".

Questo nuovo aggiornamento peritale conferma quanto aveva già sostenuto l'ingegnere Mattia Strangi, professore di progettazione deisistemi di trasporto all'Università di Bologna, consulente tecnico di parte del conducente del tir. Il perito della procura della Repubblica di Siena dopo aver esaminato tutto ritiene che l'incidente non è stato causato dal tir, che ha investito Zanardi. Secondo Dario Vangi, perito della procura, lo sconfinamento della linea di mezzeria da parte del camion si sarebbe realmente verificato ma sarebbe stato dunque "inferiore ai 40 cm" e definito "minimo considerato il tipo di mezzo e la strada percorsa". Tra gli approfondimenti richiesti con l'integrazione anche le linee di movimento di Zanardi sulla sua handbike e la presenza di un altro ciclista davanti al camion. Secondo quanto si è appreso, infatti, la posizione del mezzo potrebbe essere stata dettata dalla "presenza di un ciclista davanti all'autocarro e dall'inizio di manovra di sorpasso dell'autocarro stesso, comunque consentita". Adesso l'ultima parola spetta alla procura che dovrà decidere se chiedere il rinvio a giudizio del camionista oppure il suo proscioglimento. Zanardi così cadde, finendo nella corsia opposta e battendo la testa contro il cerchione anteriore sinistro dell'autotreno.