Ue autorizza fusione Fca-Psa, nascerà il gruppo Stellantis

Ue autorizza fusione Fca-Psa, nascerà il gruppo Stellantis

Via libera dell'Europa alla fusione tra Fca e Psa, con la Commissione europea che ha reso noto l'approvazione. L'approvazione, ricorda Agi in una nota, è subordinata al pieno rispetto di un pacchetto di impegni offerto dalle due società.

Come spiega precisamente il Sole 24 Ore: "La Commissione temeva che l'operazione, come inizialmente notificato, avrebbe danneggiato la concorrenza sul mercato dei piccoli veicoli commerciali leggeri in nove Stati membri (Belgio, Cechia, Francia, Grecia, Italia, Lituania, Slovacchia), dove le società detengono quote di mercato congiunte elevate o molto elevate e sono concorrenti particolarmente stretti".

Un timore che l'Europa vuole fugare chiedendo a PSA ed FCA di estendere l'accordo con Toyota per la produzione di veicoli commerciali leggeri della Casa giapponese, aumentando la capacità produttiva dei veicoli delle 3 Ellissi, diminuendo al tempo stesso i prezzi di ricambi e accessori e della movimentazione merci.

Fiat Chrysler e PSA superano l'ultimo, importante, ostacolo sul percorso verso la fusione che darà vita a Stellantis, il quarto gruppo automobilistico più grande al mondo. L'acquisizione avrebbe quindi probabilmente portato a prezzi più elevati per i clienti. Secondo, attraverso una modifica degli accordi di "riparazione e manutenzione" per autovetture e veicoli commerciali leggeri in vigore tra PSA, FCA e le loro reti di riparatori, che faciliterà l'accesso ai concorrenti a quelle stesse reti.

La Commissione ha pertanto concluso che l'operazione, così come modificata dalle due misure correttive, non solleverebbe più problemi di concorrenza. "Negli altri mercati in cui sono attualmente attive le due case automobilistiche, la concorrenza rimarrà vivace dopo la fusione", ha detto la commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager. Inoltre, FCA possiede la società di componenti fusi per autoveicoli Teksid SpA, le società di componenti e moduli in plastica Plastic Components and Modules Automotive SpA e la società di sistemi di produzione automobilistica Comau SpA.